Skip to content

second (alcoholic) take on BIM360 docs

A while ago I did what has been defined an unflattering review of this collaboration tool in its early release. Your friendly document controller was not-so-friendly, and kept crashing.
Here’s a quick video reminder if you don’t remember what BIM360 is about.

..

A lot of upgrades have been made since my first test, so I went back (as I did for Formit: first and second take here and here) and tried it again.
Here’s my second test.

Should you wish to follow me through, you’re gonna need:
– n.1 actual project with:
– one or more Revit models;
– some exported dwgs;
– single page pdfs;
– at least nr1 multi-page pdf;
– a bunch of raster pictures.
– a bottle of whiskey.

 


1. Upload
If you remember, one of the main issues was the upload getting stuck even with few documents. Now, the upload doesn’t seem to be any faster but they did add one nice functionality: you can leave your upload to be, go grab a drink (I’m gonna need someone to count them, ’cause there’ll be few of them) and wait for your friendly document controller to mail you when he’s done.

queque on upload

 

And he does. I’ve got an e-mail to prove it.

mail on upload

 

Ok, I know, it doesn’t read like a “yay, we did it!”. And even if you open it it’s a little vague and it doesn’t really comes through as a success.

file requires action

Just trust me, file was there when I came back from my drink. If this happens to you too you can celebrate, I guess, with a drink.

It might happen that BIM 360 docs is a little more enthusiastic in its e-mails. This is what it says whenno action is needed on your behalf, meaning you don’t need to do absolutely anything. In this case you can celebrate even without going back to your computer.

BIM 360 Docs_ Published successfully

 


 

2. Define Title Block

When you upload a file, you can add a titleblock. Now don’t expect a graphic title block like this one: it’s not what this is about.

Define Title Block

What you can do is adding a name and a size for your sheet (because yes, despite being called BIM360 docs, I think the doc part is still so much more relevant than the BIM part). Also, you can highlight a part of the file to have some sort of preview of the title block (the graphical part) and then again manually select the main fields in order to re-map them into BIM360 docs.

I know, I know. It’s not clear. I’ll explain myself (or at least I’ll try).

Imagine you have a titleblock already filled in with parameters such as:
– Sheet Title;
– Sheet Number;
– Sheet Issue Date;
– Sheet Issue Number;
– Sheet Format.

The system already provides you with the main fields, which in its opinion are:
– Sheet Number;
– Sheet Title.

If you already have them in your title block, all you have to do is pre-select your titleblock and then, in the preview you get on your right, select the main fields when you already have filled in Number and Title.
Where’s the trick?
Well, the trick is that your sheet needs to be vector. If you don’t know why your pdf might not be vector, please check this one out.

If it’s neither of them, this is what will happen to you. If you see the picture blurred, it’s not the whiskey. This is precisely what happens.

Define Title Block - no Vector

Well, of course. Now the funny part is that none of your pdf will be vector if you use Autodesk default title block, because if contains a raster picture.

Anyway, once you mapped one titleblock you can retrieve this mapping for other sheets with the “select from any project button” link, which is too late to select if you decide to pick an area from current file. It takes quite a while, so you might want to grab a drink and you’re gonna need it, since you don’t seem to be able to add title blocks to already uploaded documents. I guess sometimes you don’t get second chances when it comes to Autodesk.


 

3. Review your (pdf) files

Ok, so let’s assume you’ve uploaded a bunch of pdf files and you want to review them.
First thing you should know (and they tell you straight away) is that you can’t add markups to drawings in the Project folder.

documents

At a first glance, it’s just not clear why. This seems like the surface pattern thing on Revit topographies. What’s really tring to do, in fact, is dividing your upload space into two parts: the first one being accessed by architects is the project files area, in which you cannot make markups. The second part is the Plans and Shop Drawings folder, in which you upload documents meant to be opened on site.

Plans

If you upload a multi-sheet pdf, it gets split up into different pages (I don’t plain believe the assistant: I’ve actually tried that… and it took quite a while so you might wanna go and grab a drink to pass your time).

multiple pdf processing

You will be asked to select a titleblock before the document is split, and this will show as a preset for all pages in your pdf so if you make a mistake… this might call for a drink, though I never condone these kind of self-indulgent beheaviour. When upload is done, you’ll be asked to process it, meaning you’ll have to manually reset Number and Title (or any other field you might have added) if you selected the title block wrongly or if your title block is not vector.

death star multi pdf preview

 

Just remember that when you have a bunch of stuff you can always sort it with different attributes.

Sorting

 


 

4. Add Markup on your (pdf) files

It works. Really.

You have all the tools you might dream of, including different revision cloud colours (well, that’s more than Revit does, anyway). You can add a markup, seriously.

markup tools

That’s the good part.

The bad part is… well, actually a few areas for improvement here.

1. It might be nice for markups to behave like a conversation, as Tekla BIMsight allows you to do. Because it’s nice to know someone has something to say about the drawing but it’s also nice answer them, sometimes.
2. It would be wonderful for markups to actually show up on the index page: right now you don’t seem to have an immediate way of knowing which drawings contain markups.
3. I would like to be able to have second thoughts on my markups: right now, when you’ve added a markup it’s for life. You can select all shapes and trash them, but not revision clouds. All you can do is hide all of them and hope nobody turns them on. And here I thought only diamonds were forever…

 


 

4. Review your (dwg) files

If you have dwg plans, preview works marvelously. You can see your drawing, turn layers on and off and all those kind of things you used to be able to do with A360 too (which, I remind you, is free).

Plan layer manager

Also 3d navigation works smoothly: no objections here. After all it was I who picked that layer colour… and it’s amazing because back in the day AutoCad colours were just to help us sort out line weights… how come they became actual colours for a 3d preview? Seriously…

3d view

 

Now, you might get this error. Quite often.

WebGL problem

Some files just won’t get a preview and there’s nothing you can do about it. Aside from, maybe, having a drink.

 


 

5. Review your pictures

Nope. Nothing here. We’re still unable to get a preview from pictures, or to draft markups on them.

 


 

6. And what about BIM?

Still wondering where’s BIM in all of this? You’re right. Let’s just be clear about this: when they talk about models, they’re just talking about 3d models for… well, I don’t know. You can use them not to get lost on site, I suppose.

If you upload a Revit model, it takes a lifetime to process (time for another drink), and then it surprises you. Because you actually can process a Revit model into different sheets just as you can do it with a multipage pdf. Seriously.

revit sheet list

 

And what’s more important is that it opens them! Really, it does.

You can review sheets without going to pdfs and you can click on objects to inspect them. It does take a while to load all information once you clicked on a family, but still, you can kill time by pouring yourself a drink while you wait.

Of course the layer manager gets a little odd when it comes to a Revit sheet.

layer manager revit file

Yeah, I know, but what you were expecting?

What you should focus on, instead, is the properties tab. I’m serious.

.Peoperties TabProperties Sanitary.

And again, you can add markups and all the usual stuff.

What you cannot do is do individual takeoff, meaning that if you’re on site you’ll be provided with the views and sheets somebody prepared for you (including schedules) and a basic model browser where you can browse your model and… well, interrogate stuff by clicking on it. Visualization is rather good and you can also navigate the model by walking inside it and creating section boxes.

3d model browser

Hint: All you need to do is being careful not to have a section box active in your revit model when you upload it, because BIM 360 docs seems to be able to export in the 3d view only what it sees in that moment.

And how to markups behave on 3d views? Well… now you see them:

BIM360 docs - revision cloud

Now you don’t.

BIM360 docs - revision cloud disappearing

 

I’ve yet to find a software that allows you to add markups on the object itself, instead of the view. Pity.

 

Still, BIM 360 docs in this new test gets an 8, and I love the fact that it’s able to automatically split the sheets from a Revit model.
If they keep up the good work it might be worth the… well… geeze, I don’t know. It’s really pricy.

BIM 360 docs price

I guess we’ll see.

The Closed Jar Rule

1007154-_60

Being alone at home and really wanting to eat something but the jar is closed.

This really makes you understand the importance of men.

Or you can grab a wrench and break the jar.

Now if you’ll excuse me, I’ll go and remove these shards from between my teeth.

Civil War in South Tyrol

I’m not sure you’re familiar with the Schuhplattler, but you’re gonna need it to understand this movie. If you’re unfamiliar with it, I’ll give you time to google it.
Come on, go on, take your time. I’ll be right here.

Done?

Great.

captain-america-civil-war-181827

Back in the days when I was writing about videogames and comic books, I wrote a lot about Civil War. Some of you might still remember this.
For all of you who don’t, and for all of you who are unfamiliar with Marvel comics, Civil War was a miniseries, one of the first so-called tie-ins where all characters were brought together to participate in a story that spreaded out through different magazines.
Now, the concept behind the serie was simple enough: with a whole new level of social awareness and moral complexity brought into Marvel comics, it was time for heroes to face the consequences of their spectacular fighting, and of the casualties they prompted. If you’re that kind of reader. You are the other kind of reader, the concept was even more simple: to answer the neverending question of who whould win a fight between this and that.

I realize these aren’t solid foundations for a story.
I realize it.

Now, do you remember the Schuhplattler?
I know you didn’t really google it, so I’ll provide an additional reference for the laziest among you, all right?

..

Good.
This is pretty much what the movie feels like.
Too many people, dancing around and slapping each other for no apparent reason.
You’ve got Ironman and Captain America, sure, and the Winter Soldier (more on this later), and the Black Widow because you need the chick and Wanda Maximoff because you need another chick. And then you have the Vision, and Hawkeye. And Warmachine, and Falcon, on different sides of course, just to appease the minorities (maybe they really should add black categories to the Oscars as Chris Rock was suggesting). And since it wasn’t enough, why not add Ant-Man? And Agent Carter. And her niece. And two new characters, since it wasn’t enough, but I’ll get to it later. I like to think that Samuel L. Jackson answered with a piece from Ezekiel when they asked him to be in this movie.

Now, writing a movie with that amount of characters and making it consistent is difficoult. Adding new characters to the pot on top of that is crazy difficoult. And if you’re the writers of the weakest Marvel movies so far… we’ll, your not up for your first success, I think. Yes. Right. The writers of this slapfeast are Christopher Markus and Stephen McFeely, also writers of The Winter Soldier (questionable writing), The Dark World (highly questionable) and The Chronicles of Narnia (all of them, and I really don’t wanna talk about it).
Ok, I know, they’re also the writers of first Captain America‘s movie in which they had one amazing idea to make the character believable, but I’m starting to think that was a one-timer.
So, what did they do here with the material they had?
Instead of focusing on the main character, they took all of them and made an Avengers movie. And they are so not up for the test. First Avengers was written by Joss Whedon. You might like him or not, but he’s a professional writer, he’s been writing comics for ages, he’s been in this industry since like the 90s. You might not like him, but you can’t deny he has a knack for knowing what people expect from a piece of entertainment. Alongside with him we had Zak Penn, and you might not like him either but you’ve got to admit he has like a master in superheroes writing.
My point is, you can’t improvise if you submit yourself to this level of complexity.
And what about new characters? The last thing I needed was another Spiderman (those of you who’ve been with me long enough might remember how much I despise the character). And yet here we are with Tom Holland. Tuned down on almost everything that made the character bearable: great powers indeed, and responsibilities were just too boring, I guess. Aunt May is a hot chick. Rumming through garbage and being a tech nerd is sooooo cool. As Tomorrowland taught us, kids shouldn’t worry. Worrying is for loosers and nobody likes a looser.
Chadwick Boseman‘s T’Challa is decent enough: he fits nicely into the main plot, has a role to play and it offered the chance for some good writing about death and revenge in different cultures. Did writers take this chance? Well, let me talk you through it.

capitan-america-civil-war

Comic books had some good references, but ended up to be shallow. I’m not one to make comparison between sources and movies, as you know, but I think it’s a useful exercise to do something like that here, because if comic books were shallow, the movie manages to be equally shallow for different reasons.
Oddly enough, the first thing we’re loosing is Steve Rogers.
I know it’s weird, but in the comic books Steve’s position was built up to be politically consistent with his belief.
And since the comics were written in the middle of the Iraq crisis, a war of (so-called) necessities and principles with weapons of mass destruction was nothing to be taken lightly.
We’re in a different scenario, here, and we don’t see any of the principles that should drive a sci-fi writer: sci-fi needs to be scientifically believable (no, making up a metal and calling it vibranium is not enough), all right, otherwise it’s fantasy, but more importantly it needs to talk about our world, our culture, ourselves, through the coloured eyes of other worlds. This is what comics tried to do and this is where the movie fails spectacularly for not even trying.
We have soldiers on both sides, and that would have been a nice shot to talk about obedience in morally ambiguous times. Nope.
We have spies on both sides, and that would have been a nice shot to talk about moral ambiguity endorsed by law.
We have kids on both sides, and that doesn’t seem to bother anybody.
We have personal relationships, but apparently it’s fine to try and rip out your friend’s coronary bypass.
And we have different cultures, on both sides. We have T’Challa, who talks ill of his own culture when it comes to death but can’t afford to talk ill of American culture when it comes to revenge, apparently.

So, what is this movie, about?
I told you. Too many people, dancing around and slapping each other for no apparent reason.
And with plot twists so obviously put they are starting to be offensive.

There’s a fil rouge in the latest Disney movies, and it pains me to write this because I used to love what they did. It was refined and sparkling, and smart, and touching. Now they think we’re idiots.
And since they keep a hold on the entertainment industry, they’re either right or they will be in a few years.

captain-america-civil-war

Rams – Gorillas: 40 – 23

 

Arbitraggio vergognoso, rissa sugli spalti, domenica mattina in stampelle.

win or lose

Siamo secondi del girone a parimerito con i Wolverines (ma con una partita in più sulle spalle)

Formit: il secondo tentativo

Si dice che certe cose vadano provate una volta soltanto. Di altre si dice che la prima volta sia sempre la peggiore.
Combattuta tra questi due fronti, e complice la campagna di marketing sulla recente nuova release di questo tool Autodesk, ho deciso di addentrarmi in un nuovo test. Vi ricorderete il primo, in cui figuravano il Chrysler Building, un gruppo di Ewok abituato a SketchUp e un BIM coordinator dalla scarsa pazienza. Sorvolerò sui problemi di workflow, questa volta: un puro test di software. Ok, ok, un puro test di software con qualche considerazione di workflow, va bene?

1. Formit 360 Pro: What’s New
Il 18 febbraio, poco dopo il mio primo test, Autodesk ha rilasciato un importante aggiornamento. Potete leggere la notizia qui, dove trovate anche un video di dimostrazione e un elenco delle nuove funzionalità. In sintesi, si tratta di:
– un miglioramento degli strumenti di modellazione;
– una più completa integrazione con le interfacce touch;
– la possibilità di esportare in formati diversi dal axm (fbx, sat, dae, dxf);
– la possibilità di importare direttamente file skp e sat;
– miglior gestione dei gruppi.
A margine, sembra avere la funzione “paint with default material”, che stiamo ancora aspettando in Revit (e, nel mentre, risolviamo con questo workaround).
Ma, soprattutto, la novità più interessante sembrava essere l’integrazione di Dynamo.

..

Un ulteriore aggiornamento in aprile ha poi portato a qualche miglioramento nell’esportazione, principalmente di immagini e verso SketchUp. Nessun particolare miglioramento viene descritto per il converter di Revit, salvo qualche correzione di bug, ma non sono certo tipo da giudicare semplicemente guardando una demo.

..

2. (ri)Proviamolo, quindi

2016-05-07 12_19_48-Autodesk FormIt _ Think It Form It Analyze It

Come saprete, Formit si compone di tre tool distinti, almeno per noi utilizzatori di Revit:
– un’applicazione web che impiega una vita a caricare;
– un convertitore per Revit da installar come plug-in;
– la possibilità di appoggiarsi all’applicazione “standalone” per windows (che richiede l’account Pro e che, per l’occasione, ho attivato in versione trial).

Formit Pro

Le funzionalità aggiuntive della versione pro: una miglior collaborazione (ovvero la possibilità di condividere il proprio lavoro non solo via A360), l’accesso alle librerie materiali di Autodesk, analisi solare e analisi energetica

Formit Pro Activated

 

gherkin_sketchup_statsQuesta volta, dato che l’aggiornamento promette maggior stabilità, per i miei test ho scelto un edificio leggermente più complesso, ovvero il Gherkin (30 St Mary Axe), reperibile qui nella Wharehouse Trimble. Si tratta di un modello relativamente agile: 1.3 Mb per 1.712 poligoni. L’idea è sempre quella di vedere se Formit offra uno strumento più agile per la realizzazione di un concept urbano, al livello di massing, o se convenga sempre utilizzare (con qualche libertà) gli strumenti forniti all’interno di Revit.

gherkin_sketchup_wireframe

Non sono seria: il modello SketchUp scelto è un modello semplicissimo


– Un possibile Workflow di massing –

1. Georeferenziare il progetto

Formit_Properties_LocationTanto per cominciare, è possibile georeferenziare il proprio modello alla voce Location nella finestra Properties, in alto a destra. Una volta fatto questo,  e già quando ero pronta a importare un rilievo esterno, è possibile importare l’immagine da satellite (Google, ovviamente) e schizzarci sopra per individuare, ad esempio, un’area di progetto.

St Mary Axe_earth

Che l’immagine sia già in scala corretta è un vantaggio enorme e FormIt si potrebbe guadagnare un posticino nel workflow dei progetti più semplici anche solo per questo. Oppure, se ancora avete problemi a importare un terreno in Revit, potreste decidervi una buona volta a leggere questo.

In ogni caso, potremmo fermarci qui: esportare verso Revit una pianta con riferimento già in scala e continuare normalmente con gli strumenti di Massing forniti dal nostro parametrico preferito. Potremmo, se non fosse che l’esportazione in axm non incorpora (ovviamente) le immagini raster, per cui qualunque riferimento di immagine viene inserito in Formit può servire solo come riferimento di ricalco all’interno di Formit.

Nota: consiglio di non dimenticare di accendere il nord (Application Settings -> Visual Style -> Display North Arrow), una funzione che da anni stiamo pregando di avere anche in Revit (ma stampabile, per favore, non come il Sun Path).

 

Formit - Levels2. Impostare i livelli (ma non le griglie)

Una simpatica aggiunta (a dir poco imprescindibile per un lavoro di massing) è quella di impostare i livelli (ma non le griglie né i piani di riferimento, per qualche motivo). Il comando si trova nella barra verticale di destra e consente di aggiungere i livelli con input numerico, uno alla volta o in batch. La visualizzazione dei livelli nel 3d non è particolarmente intuitiva, ma vengono comunque utilizzati come snap per l’estrusione di elementi solidi (tra un attimo).

 

3. Importare il contesto (in 3d)

Naturalmente esistono altri tool Autodesk che consentono di fare più o meno la stessa cosa, e nonostante io prenda spesso in giro l’importanza che gli viene data nelle dimostrazioni di software devo ammettere che Infraworks si è più volte rivelato ottimo per ricavare massing di contesti urbani. Tuttavia spesso ci troviamo ad avere a che fare con modelli di SketchUp: il software è estremamente popolare e per anni ha avuto una fortissima e laboriosissima community. Proviamo quindi a importare il nostro Gherkin, direttamente da Formit in formato SketchUp.

formit - chrome crash

Non bene.

Va decisamente meglio un secondo tentativo, in cui ho esportato l’oggetto in formato axm utilizzando il converter all’interno di Revit.

formit - gherkin importato

Il risultato è brutto come l’interfaccia di Lotus, ma l’oggetto è in scala e si porta dietro le texture.

 

4. Iniziare il proprio massing

Gli strumenti di disegno e di modellazione sono, per scelta, estremamente semplici. Il tentativo, chiaro e dichiarato, è quello di sostituire SketchUp all’interno del workflow, mantenendone le caratteristiche di approssimazione. E, come ben sapete, è un punto su cui dissento profondamente. In ogni caso, provo a stare al gioco. Se quello è il Gherkin, voglio provare a costuire una seconda pelle che ne mascheri l’attacco a terra e si raccordi a un altro edificio dall’altra parte di Bury Street.

Tanto per cominciare, l’immagine da satellite precedentemente importata non si posiziona su un layer e non è spegnibile. Anche accendendo le linee (Application Settings -> Visual Style -> Display Wide Line), la mappa interferisce con il lavoro abbastanza da indurre a lavorare su uno spazio laterale, rendendo quindi nullo il vantaggio della topografia di contesto.

Inoltre, nonostante il tentativo di semplificare gli strumenti di modellazione rispetto alle masse di Revit, la sensazione è che il tentativo di semplificazione si sia spinto troppo oltre. Manca la possibilità di estrudere una linea creando una superficie, ad esempio, e l’intero concetto di superficie sembra non contemplato. La modellazione ragiona per manipolazione di forme primitive, e non è possibile scegliere un livello diverso dal terreno per le proprie forme base.

formit - tilt face

Abbastanza comodi invece i comandi “Tilt Face”, che consente di inclinare la faccia di un solido assegnando un valore in gradi, e “Offset Face”, che crea una nuova faccia all’interno di quella selezionata.

formit - texture

 

L’applicazione di texture funziona abbastanza bene (la visualizzazione continua a essere brutta come l’interfaccia di Lotus) e costruite le geometrie primitive è possibile procedere per eliminazione delle facce e rimanere con le sole superfici, se questo è quello che si vuole.

Quando le geometrie iniziano a farsi leggermente complesse, la versione web arranca ed è necessario passare a quella desktop (che, lo ricordiamo, è a pagamento ma offre una versione trial da 30 giorni). La visualizzazione è comunque poco fluida e durante l’orbit le geometrie si fondono l’una nell’altra, costringendo a smorfie pittoresche per chi osserva ma foriere di terribili rughe d’espressione in vecchiaia.

formit - exported

 

5. Formit per desktop (e Dynamo)

Ma dove sarà mai questa integrazione con Dynamo, direte voi.
Beh, non fatevi illusioni: non è nella versione web gratuita.
Per poter giocare con il vostro visual scripting preferito, dovrete scaricare la versione desktop e attivare la demo, oppure sborsare direttamente i 40 € mensili di licenza.

formit pro - fee

L’installazione di Formit Pro richiede 207 Mb ed è relativamente indolore. Perché funzioni, è naturalmente necessario aver effettuato il log-in ad A360. L’integrazione con Dynamo è un pulsante sulla destra che consente di inserire l’url di uno script Dynamo pubblicato sul web tramite il Customizer. Ricordate che il Customizer è ancora una beta e che, tra le altre cose:
– non potete usare il code block come input;
– non potete usare nodi di open o save (per ovvi motivi);
– non potete pescare da fonti esterne di dati, di nessun tipo (per motivi altrettanto ovvi);
– niente Python;
– se modificate qualcosa dal web, non potete poi salvarlo;
– una volta pubblicato il nodo, non si può modificare né sovrascrivere.

6. Tornare in Revit

Una volta smesso di giocare, è il momento della verità: occorre ritornare in Revit a fare sul serio, applicare elementi architettonici alle masse, verificare volumetrie e numeri. L’export offre una manciata di formati e settaggi da personalizzare, ma per una volta voglio fidarmi e continuo con il formato axm. Anche perché nessuno di questi formati è un formato nativo di Revit e dovrò comunque scegliere se gestire una geometria importata oppure passare dal converter (e, temo, gestire comunque una geometria importata).

formit export

L’importazione sembra avere qualche difficoltà, ma con un po’ di pazienza va a buon fine.

revit - imported

L’oggetto importato è, come nel test precedente, una famiglia di massa chiamata “Family 3″, dal peso di circa 564 Kb (molto bene), naturalmente senza texture (molto male).

Revit - Family 3

Se proviamo a editarla, al suo interno contiene una unica geometria importata (male, malissimo, davvero male). E naturalmente sappiamo già quale sarà il risultato di ogni tentativo di esplodere l’oggetto, vero?

revit - error on explode

 

All’interno del progetto, purtroppo, le sorprese non sono finite, ma i più attenti tra voi l’avranno già intuito dagli screenshot. Ciò che partiva come generato da una curva, viene importato come linea spezzata. Le pareti curve che avevo generato in Formit diventano quindi sfaccettate e l’applicazione di un muro alla faccia, ad esempio, può quindi avvenire solo per porzioni, con un risultato assai diverso da quello che avevo in mente quando ho generato la forma.

revit - curve spezzate

 

Come già successo in precedenza inoltre, trattandosi di una geometria importata non è possibile utilizzare la massa per posizionare mass floors.


 

– In sintesi –

Formit è diventato un ottimo strumento di interoperabilità geometrica, specialmente se si ha necessità di “ricalcare” in Revit elementi di SketchUp. Lo si può utilizzare per trasformare questi elementi in masse, e queste masse possono a loro volta essere utilizzate per il posizionamento di elementi architettonici, a patto che non si tratti di forme troppo organiche.

In fase di studio concettuale, può essere utilizzato come surrogato se non si dispone altro che di un pc scarsamente potente e di una connessione internet. Tuttavia l’inserimento di questo concept all’interno di Revit comporta una considerevole dose di doppio lavoro che non augurerei a nessuno, specialmente in una fase già sovraccarica come quella di un concept in BIM.

 

Concussion

Concussion

It’s easy to make comparisons, when it comes to sport movies. Expecially if you’ve got somebody who made you watch ’em all. So, let’s start with some comparisons. You can knock yourself out here, if you wish: I’m just gonna make a few of them.

Concussion is not anything like the movies we’ve recently seen about football. It’s not Draft Day and it’s not The Replacements, and it falls so far from When the Game Stands Tall that it almost looks to be about an entirely different sport altogether. It’s not a movie that looks at American football from within, as Any Given Sunday was, and although I thought Will Smith wasn’t as bad as The Guardian recently painted him to be, this movie’s key points certainly are not outstanding performances. Alec Baldwin gives a decent performance but sometimes he looks so bored by the movie itself he can’t seem to be able to hide it. Gugu Mbatha-Raw is almost a pain to watch. And the mere fact that Bitsie Tulloch is in the movie lowers the acting standard by at least four points.
Still, there are some pretty good exceptions. David Morse is heartbreaking as legendary Steelers/Chiefs centre Mike WebsterRichard T. Jones comes through with a very passionate performance as Eagles/Cardinals Safety Andre WatersAdewale Akinnuoye-Agbaje is pretty good as Bears/Giants/Cardinals Safety Dave Duerson, although I can see why his relatives are a little bit angry.

Concussion is not a movie about a sport: it’s a movie about a clinical condition and powerful lobbies trying to deny it. If you’re curious about the whole story, I suggest you read what Dr. Bennet Omalu himself (the real one) recently had to say about the movie in his interview to the Los Angeles Times. Concussion, if anything, is more similar to movies like The Insider, and believe me that this comparison didn’t come to my mind by itself.

I’m not anti-football. If as an adult you know, ‘If I play football, there’s a risk I’ll suffer brain damage,’ and you still make up your mind to play, I would be one of the first to stand up and defend your right and freedom to play. It’s like smoking. If we tell you smoking will cause lung cancer and heart disease and you still as an adult make up your mind to smoke, I will defend your right to smoke if you want to. This is a free country.

– dr. Omalu (the real one) in the above mentioned interview

Even in the movie, there’s an ongoing parallel being made between playing football and smoking.
Now, I’m not a heavy smoker but I am a smoker, and I live with an amateaur football player (who smokes more than me, and happens to play in the same role as Mike Webster), therefore I might be a little clouded in my judgement, but I find a little bit riddikulus (yeah, the boggard-banishing spell) to compare a vice and playing a sport. Unless you happen to agree with me that all agonistic sports are harmful for your health and you should just reach for another beer, but I don’t think you do, now, do you?
And there were so many ways to explore American football, the way it deals with violence, the NFL lobby.

People play with injuries the whole time, for instance. They do it because they are proud, or because they love too much what they do, or because they know that if they stay out of field once they’ll be regarded as weak and they’ll loose their spot. This doesn’t just happen in American Football. It happens when it comes to work, or romance. It’s our animal nature compelling us not to appear as weak. Our human nature should balance it, but it doesn’t always do it, and you need relief valves to let out steam, so that you can be balanced when it really matters. American Football players (and I mean professional players) are that valve. They are the relief valves of a whole Country. One might argue that if you take down football you release all that violence that gets sublimated on the field every given Sunday.

Still, what happens in the movie is a banalization of the sport and, what’s worst, it totally overlooks the important change dr. Omalu was able to achieve by denouncing CTE (chronic traumatic encephalopathy).
Tougher rules on contact. Better helmets. A whole new level of awareness about concussion, almost bordering on paranoia.
None of this comes through, and you’re left with the overall creeping impression tha football is what it’s described to be: a violent sarabande where people are trying to legally kill each other. And that’s so wrong, on so many levels. By lowering the level of discussion, by banalizing what’s dangerous (and what’s positive and formative) in this sport, you loose any chance of being significant. That’s a shame.

Still, some pretty good sequences give Peter Landesman credit, if not for the writing, at least for direction.

Protected: L’anno della verità

This content is password protected. To view it please enter your password below:

That’s quite a speech

..

Da Revit a Illustrator: una storia di sofferenza

Non sono animalista. Non sono pacifista. Non sono ambientalista.
Mangio carne quotidianamente, ho un’auto a benzina (che tuttavia uso con parsimonia) e compro uova di galline allevate a terra solo perché trovo sia giusto dare un riconoscimento economico adeguato all’imprenditoria dell’allevatore che ha scelto la strada meno comoda.
Non che io voglia parlare di questo, intendiamoci, ma era necessario che io lo premettessi, prima di continuare: non sono ciò che potreste definire un cuore tenero.
Sono tuttavia contraria alla discriminazione, alla violenza gratuita e alla sofferenza del mio prossimo, questo sì. Sempre.
E avendo assistito negli ultimi anni a tanta, tanta sofferenza, mi sento particolarmente vicina a una fascia professionale discriminata, quindi lasciate che oggi io prenda le difese di una categoria cui non appartengo. Quest’oggi voglio parlarvi dei grafici (graphic designer, alcuni di loro, pena una mortale offesa), e in particolare di tutti quei grafici che si trovano a valle di un workflow che passa (o nasce) da Revit. Gente che soffre quotidianamente senza che nessuno se ne occupi.

How to Be a Graphic Designer without Losing Your Soul (New Expanded Edition)_ Ad

Ok, quasi nessuno…


 

1. Liberate i grafici
Prima di addentrarmi nel discorso, lasciate che sgombri il campo da un primo equivoco: questo è un sincero articolo di difesa e, nonostante il tono goliardico, credo che i grafici siano una categoria cruciale per il nostro lavoro. Sono esperti di comunicazione in modi che noi nemmeno immaginiamo, vedono cose che noi nemmeno riusciamo a concepire, sono in grado di trasformare una vista di pianta (comprensibile solo a un architetto) in qualcosa di vivo, comunicativo, espressivo, affascinante per il cliente.
Tuttavia.
Tuttavia spesso, come capita per le cose belle, alcuni ne abusano.
I grafici sono un’arma potente, una bomba atomica, un cannone al plasma. E non si può usare un cannone al plasma per andare a caccia di farfalle. È dannatamente costoso e, francamente, un filino esagerato. Non si può chiedere ai grafici di ritoccarci le tavole, tutte le tavole, tutte le volte. E in tutta onestà… beh, avvicinatevi, che vi confido un segreto. Siete vicini, sì? Ok, eccolo. Se le vostre tavole di Revit sono brutte la colpa non è di Revit. La colpa è vostra o del vostro BIM coordinator. Ecco, l’ho detto. Revit non fa delle brutte tavole. Revit fa delle brutte tavole se non siete capaci di modellare, di impaginare, di impostare i view template. E non prendetevela con i vostri grafici se voi non siete capaci di fare delle buone tavole perché poi, per forza, il vostro processo BIM costerà un patrimonio ingiustificabile.
Detto ciò, non negherò che Revit abbia i suoi limiti. Rispetto al cannone al plasma, diciamo che Revit non è la Beretta che vogliono farci credere ma arriva il momento di fermarsi, prima o poi, anche volendo salvaguardare la maneggevolezza del modello e la sanità mentale del vostro BIM coordinator (ciò che ne rimane, quantomeno). Quindi può succedere che a un certo punto, quando entrano in gioco particolari effetti o quando il profilo del progetto lo richiede, la palla debba passare per forza dal team Revit al team Illustrator, dagli architetti ai grafici.

Or incomincian le dolenti note
a farmisi sentire; or son venuto
là dove molto pianto mi percuote.


 

2. Fermate il massacro (imparate a stampare)
Come per tante brutte malattie contagiose, molta sofferenza potrebbe essere evitata semplicemente adottando qualche banale accorgimento. Tanto per cominciare, si potrebbe iniziare con l’imparare a stampare in formato vettoriale (un simpatico insieme di linee e campiture che, almeno in teoria, possono essere maneggiate dai nostri amici grafici) anziché in formato raster (un molto meno simpatico ammasso di campiture piatte in bassa risoluzione che i nostri grafici possono, al massimo, stampare nella fotocopiatrice e usare come base per la carta pesta).
Ora, per stampare un pdf in formato vettoriale è sufficiente – almeno in teoria – scegliere la giusta opzione nella finestra di Setup.

print vector

Ovviamente non è tutto.

Fino a questo punto, niente di difficile. Basta scegliere l’opzione giusta e Revit esporterà un pdf amichevole e maneggevole per i nostri amici grafici, giusto?
Sbagliato.
Tragicamente sbagliato.


 

– Cosa rende raster una tavola –

Esistono alcune tecniche, alcuni particolari sili di visualizzazione, che Revit non riesce a calcolare in termini vettoriali. Incidentalmente sono anche i più onerosi in termini di calcolo, quindi è bene conoscerli anche se non si ha nulla a che fare con un dipartimento grafico di poveri disgraziati che devono aprire (e lavorare) i nostri elaborati. Revit ci fa la cortesia di segnalarcele quando proviamo a stampare in vettoriale qualcosa di incompatibile e lo fa con un messaggio di errore che, per una volta, dice esattamente le cose come stanno.

vector print error

Ora, il miglior amico dell’uomo sarà anche il cane, non dico di no, ma certamente il peggior nemico del BIM coordinator è la casella evidenziata nello screenshot. I progettisti tendono a selezionarla, sempre, la prima volta che compare l’errore. Perché in fondo a chi importa vedere un messaggio di errore se si può non vederlo? E quindi vi troverete a giocare a indovina chi, dopo la prima volta, ad aprire ogni volta i pdf domandandovi “sarà vettoriale, questa volta?”. Già, perché se esiste un modo per ripristinare la visualizzazione di quei messaggi nascosti, io non l’ho ancora trovato. Esisteva in AutoCad, me lo ricordo bene, ma in Revit… qualcuno ha mai scoperto dove si trovi? Offresi birra.
In ogni caso, è bene memorizzare l’errore perché potreste non vederlo mai più.

Fondamentalmente Revit vi sta facendo un elenco (non completo) degli elementi che rendono impossibile una stampa vettoriale e si tratta di:
ombre (riportate e ambientali);
shading, ovvero qualunque visualizzazione da hidden lines in giù;
nuvole di punti;
sketchy lines (eh già, cari amici di SketchUp);
gradienti (problema comune anche ad AutoCad, se ben ricordate).

1.2.3 - shadows vs shading

Revit non esporta in formato vettoriale né le ombre dirette (controllate sotto “Cast Shadows”) né quelle ambientali (controllate sotto “Show Ambient Shadows”).

A questo elenco bisogna aggiungere le immagini raster, naturalmente.
E le trasparenze? Gli halftone? Se bazzicate questo tipo di problemi da abbastanza tempo, ricorderete che una volta anche le trasparenze e le mezzetinte causavano mal di testa nell’esportazione vettoriale, sia da Revit che da AutoCad. Beh, il problema è stato risolto, da qualche parte tra le versioni 2014 e la 2016. Liberi tutti quindi: le vostre trasparenze saranno vettoriali.

Ma dovrete comunque rinunciare a tutta una serie di elementi interessanti e potenzialmente non rimpiazzabili, prime fra tutti le ombre. E le ombre sono uno dei regali più belli di Revit. Le ombre di Revit sono gratis, non richiedono ore di proiezioni ortogonali e possono essere cambiate con pochi clic. Come rinunciarvi? Difficilmente giustificabile.

Ancora meno giustificabile è rinunciare ai retini colorati.
Avete presente, no?
L’unico modo per avere un retino su sfondo colorato, in Revit, è settare Surface Pattern e Shading di un materiale, fare i dovuti scongiuri e mettersi in Consistent Colors. Ebbene, se si vuole ottenere un pdf vettoriale è necessario adottare misure alternative.

Non posso rivelare quali siano i miei trucchi in merito. Posso però consigliare di allargare il proprio orizzonte e guardare ai trucchi utilizzati nel cinema o nell’animazione digitale, dove spesso ci si trova nella necessità di isolare facilmente parti di immagine da altre.

Non so onestamente come altro dirvelo...

Non so onestamente come altro dirvelo… (e grazie a Digital Synopsis per l’immagine, a dir poco perfetta)

Non sapete se il vostro pdf sia vettoriale o raster? Avete difficoltà a rendervene conto? Vi rimane qualche dubbio? Non siete pratici di pdf? Esportate un dwg. Senza alcun messaggio di errore (purtroppo), verrà esportato solo ciò che Revit riesce a calcolare come raster, e tutto il resto verrà ignorato.
Questo è l’angolo delle cattive notizie.
Nel caso non lo sapeste, non è possibile esportare in cad le ombre.
Dolente.

Per ulteriori approfondimenti, qui trovate qualche suggerimento dall’università del Minnesota.


3. Cosa accade dove non arriviamo a vedere

La maggior parte di noi, una volta esportati i propri pdf, chiude il pc e se ne va.
Se ha esportato raster, se ne va di soppiatto, sperando di non essere fermato sulla soglia da uno dei grafici in berserker.
Se ha esportato vettoriale, se ne va con la coscienza pulita di chi ha fatto tutto ciò che poteva al meglio delle proprie possibilità.
Questa è la storia di ciò che accade quando i grafici aprono le nostre esportazioni, per quanto vettoriali.

Quando giungon davanti a la ruina,
quivi le strida, il compianto, il lamento;
bestemmian quivi la virtù divina.

Tanto per cominciare, guardiamoci in faccia: i nostri pdf fanno schifo.

Sì, questo è lo screenshot di un pdf vettoriale. Sì, è una casetta. Sì, agli occhi del revitista sembra un pdf decoroso.

Sì, questo è lo screenshot di un pdf vettoriale. Sì, è una casetta. Sì, agli occhi del revitista sembra un pdf decoroso.

E non è colpa di nessuno, davvero.
Possiamo aver seguito tutte le regole del bravo BIM coordinator, possiamo aver impostato le viste in modo che siano completamente vettoriali, possiamo aver stampato con l’Acrobat Pro da 50.000 $ a licenza, e comunque… proviamo ad aprirne uno in Illustrator, se abbiamo il coraggio. Selezioniamo una superficie (una delle finestre sulla destra dello screenshot, per esempio). E rabbrividiamo.

Quei puntini azzurri indicano dove il tracciato si interrompe.

Quei puntini azzurri indicano dove il tracciato si spezza.

State rabbrividendo già? Sentite già le imprecazioni del vostro dipartimento grafico? Io le sento.
Ciò che da noi nasceva come linea retta, in Illustrator è diventata, senza alcun motivo, una linea spezzata.
E no, non è colpa dell’antialising (quella funzione che consente di ammorbidire le linee, a carissimo prezzo in termini di calcolo): il risultato è lo stesso, che l’antialising sia attivo o meno.
Ma la scoperta migliore non è stata questa, che già sarebbe sufficiente a farci odiare dai nostri grafici.
Se provate a interrogare uno dei vetri, scoprirete che è una specie di gruppo. Fate doppio click. E provate a cancellare il perimetro del pannello.

.export - prima -> export - dopo.

Ora, non so se l’immagine è abbastanza chiara (penso di no). E credo che qualcosa nel vostro subconscio abbia già insinuato il germe della negazione, un po’ come è successo a me la prima volta che mi è stato dimostrato questo comportamento.

Immaginate che Revit sia il vostro imbianchino.
Immaginate di avere una parete di mattoni a vista e, per motivi vostri, di voler dipingere un quadrato bianco di 20×20 cm, proprio al centro.
Chiamate il vostro imbianchino di fiducia.
Poi andate a fare la spesa per lasciarlo lavorare. È solo un quadrato di 20×20 ma si sa come sono questi imbianchini.
Quando rientrate, scoprite che il vostro imbianchino ha deciso che fosse più efficiente dipingere l’intera parete e poi carteggiare via la parte in eccesso.
Il vostro imbianchino è un pazzo psicopatico.
Ecco.
Lo è anche Revit.

Per qualche motivo, sconosciuto anche ai più saggi, le campiture sono un rettangolo abbondante con maschera di ritaglio (sì, la linea spezzata che vedevamo poco fa).
Ora, a parte l’evidente follia della cosa. A parte che ora ho capito come mai ci vogliono quaranta minuti per stampare i prospetti di un grattacielo. A parte tutto, questo ha una conseguenza pesantissima sull’equilibrio psicofisico dei nostri grafici. Avete presente quando diciamo loro “beh, se non vi piace il colore del vetro selezionate tutti gli azzurri e cambiatevelo da soli”? Ecco. Non protestano perché sono capricciosi. Protestano perché ogni vetro è un dannato gruppo formato dalla campitura e dalla sua relativa maschera di ritaglio.

maschera di ritaglio

Giuro, è una una maschera di ritaglio. Non ci volevo credere nemmeno io.

Certamente possono selezionare tutti gli oggetti simili per colore di riempimento, e poi modificare il colore con un singolo colpo del mouse come ci aspettiamo che accada. Si può fare, davvero. Anche l’imbianchino può dipingere tutta una parete con lo spazzolino da denti e poi carteggiare via quello che non serve.

vetro giallo

Si può fare, vedete?

Ciò che dovrebbero fare i nostri grafici per rendere decoroso quel file, in realtà, è di rilasciare tutte le maschere di ritaglio, cancellare le campiture, trasformare la maschera di ritaglio in un tracciato che abbia un senso e poi riempirlo nuovamente con il colore che preferiscono. Dovrebbero fondamentalmente rifare il nostro lavoro. Nessuna sorpresa che siano un pochino nervosi.

nulla speranza li conforta mai,
non che di posa, ma di minor pena.


4. Piccole soluzioni a grandi problemi

La solita piantagrane, direte. Sempre a dire ciò che non va.
Ok, ho una soluzione da proporvi, ma sappiate che non vi piacerà.
Se volete passare ai vostri grafici un vettoriale pulito, con linee rette che siano linee rette e campiture che non siano stese da un pazzo psicopatico cui regalano la vernice, la soluzione è una sola: passare dal dwg.

Ora, la cosa non vi piacerà per svariati motivi.
Intanto, esportare in dwg mantenendo una qualità grafica coerente con ciò che vediamo a schermo è un piccolo bagno di sangue fatto di filtri, override, subcategories e modificatori di layer.
Secondariamente, Illustrator non ama i cad 3d. Esportare una vista come quella della mia casetta (mia per modo di dire, naturalmente) sarebbe impossibile: occorre stamparla in un formato piatto, passando ad esempio per il plotter dxb. Il flusso di lavoro diventa quindi: Revit -> export dwg -> Autocad -> plot to dxb -> import dxb in AutoCad -> save as -> importazione in Illustrator.
Lo so, lo so.
Fa male solo a leggerlo.

La verità è che al momento è inevitabile avere pdf imperfetti quando vettoriali, e milioni di versioni raster della stessa vista che i nostri grafici dovranno ritagliare e montare insieme.
Tenetelo in considerazione quando calcolate i tempi di produzione di una presentazione.
Tenetelo presente quando stilate il budget di un progetto.
E, se vi tollerano intorno, restate vicino ai vostri grafici mentre fanno a pezzi e riassemblano i vostri pdf. Vi prometto che scoprirete mille nuovi motivi che giustificano il peso delle vostre viste in Revit.

The Bare Necessities

Ok, I’ll admit I was curious. Curious mainly because my last memory of this kind of animation in a movie was The Chronicles of Narnia and… let’s say it’s not a very fond memory. And though I loved the book to bits, I have never been such a fan of the cartoon from an animation point of view, mainly because it looked like Robin Hood without arrows. Anyway, my curiosity grew after hearing this, such a sexy twist to Kaa I just had to go and see the movie for myself.

Was I disappointed?

Well, my expectations were very low, but I must say that I was impressed by certain aspects, and at the highest level.

1. Direction
You might get the impression of watching a documentary clip, from time to time, but a good one. One of those documentaries that give you goosebumps. It’s as if someone took The Jungle Book (Disney) and gave it Tarzan‘s direction (still Disney): sceneries are majestic, rhytm is well balanced between a very fast pace and those rare pauses it takes, both intimate and imbibed with unparalleled grandeur. Jon Favreau goes Ironman on us, with explosions and blazing fire, stampedes out of The Lion King and monkey kings out of King Kong. It looks like a movie he thoroughly enjoyed doing, thus it’s highly enjoyable to watch.

..

2. Soundtrack
The original Jungle Book had an amazing, revolutionary soundtrack and it was almost impossible to top it off by walking on the same path. There are of course hints and reprises: the python song being one (unfortunately only in the end credits), The Bare Necessities being the most famous, Kind Louie’s song being the less succesful. Unsurprisingly, the original, one and only Richard M. Sherman had a part in re-writing and re-arranging the original tracks for the movie. But if you think you’ll have a nostalgic quotationist soundtrack, you’ll be surprised. John Debney does, here, an incredible job of delicacy.

..

3. Animals
Well, of course. Just let me explain what I liked about it, and then you can say if I’m eight years old (’cause I probably am).
I never like CGI animals. They always turn out somehow off. They turn out, to quote what Empire has said about The Revenant‘s grizzly, a mix between the demon Pazuzu and uncle Pastuzo. Not good. Not good at all.
Talking animals, on top of everything, are just the worst. You have these poor beasts moving their lips to try to spell sounds nature clearly hasn’t provided them to spell, ’cause if she did… well, let’s say I could have whole new conversations with my neighbour’s cat. So no, I never like them and they scare me just as much as children on screen (more on that later).
Tecniques used on these animals seemed somehow an improvement.
Not that they found a way to have them talk in a convincing way: they just realized it’s not possible, and decided not to. So, when animals’ voices are heard, you either have them thinking (90% of the time with Bagheera) or facing elsewhere (70% of the time with Akela) or growling words through their fangs (100% of the time with Shere Khan). And it works, it works wonderfully.
Also, I appreciated the natural proportions not being completely respected. The tiger is huge as it’s supposed to be, the bear slightly smaller and less intimidating (of course) and wolves are almost a domestic size. The metaphorical value that those animals held in the book almost comes through, and it certainly holds more value in this movie that it did in the original buffoonesque cartoon.

..

4. The kid
Don’t get me wrong, I dislike kids. On screen and not on screen. Still, Neel Sethi was managed in such a way that he didn’t turn out to be annoying, even to me, and that was quite an accomplishment.

5. Differences
Well, of course there are differences. And it doesn’t make sense to compare book and movie: the most interesting differences you can get by comparing movie and cartoon. It’s clear, once again, that in Disney’s opinion we got more delicate, and somewhat more stupid. Hence, it’s not enough that the tiger hates humans for a race reason: he has to hate humans for a personal reasons (he was disfigured by man’s fire) and reasons has to be so personal it wasn’t enough to have just any human to disfigure him. Hence, everything has to be explained or hinted to from the beginning. Hence, the bittersweet finale you got in the cartoon gets twisted around. Mowgli doesn’t have to grow up, he doesn’t have to embrace his true self and turn his back to the jungle, but he can stay with his fellow animals. Now I’m sure this is what the audience want. Still, I can’t shake this feeling that some of the original poetry got lost, became conveniently happy. Disney used to prepare you, somehow, for when you had to stop caring just about the bare necessities, for when you had to leave the jungle. I don’t know what will happen when this generation will be told that they have to do it as well. Probably they’ll look up, and asks us why. And I wonder if they’ll hate us because we never told them that before.