Skip to content

Jupiter Ascending

jupiter-ascendingJupiter Ascending è un film strano. È come se a un certo punto i fratelli Wachowski si fossero trovati al bar (perché lo fanno, ne sono sicura) e dopo cinque bicchieri di mojito abbiano tirato fuori questa idea spettacolare per un film di fantascienza sontuoso, colmo di contaminazioni tra lo sci-fi e il fantasy, con tutti quei differenti livelli di consapevolezza della realtà che tanto ci piacevano in Matrix e un latente senso del meraviglioso, quando porta dopo porta viene rivelato chi regge i destini dell’universo.

Ecco.

Jupiter ascending è quel film. O meglio, è ciò che resta di quel film. È come quell’idea, quella donna di Ortolani (perché per Ortolani le idee sono come le donne, a quanto pare), quella che hai sognato e ti sembrava bellissima, e poi rivista al mattino ha i baffi. Quella che avevi avuto in passato e ti sembrava stupenda, ma poi avevi scartato e andandola a riprendere oggi… beh, capisci perché l’avevi scartata. Jupiter ascending è quell’idea. O forse è soltanto ciò che è sopravvissuto nella memoria dei due Wachowski ubriachi. Sopravvive quindi un titolo fighissimo, spiegato poi da una semplice banalità (la protagonista, figlia orfana di un astronomo, si chiama Jupiter). Sopravvive un’estetica sontuosa e spettacolare, raffinatissima, più vicina a quel piccolo capolavoro che era Cloud Atlas rispetto alle atmosfere cyberpunk di Matrix. Sopravvive una regia estremamente sapiente nei meravigliosi inseguimenti e nelle battaglie spaziali.

E poi?

E poi una Mila Kunis bellissima e trasformista (un mistero come riesca contemporaneamente a sembrare una ragazzina e una signora), Sean Bean che (incredibilmente) non muore. Ma anche un Eddie Redmayne che forse ha bruciato tutto il suo talento annuale nei panni di Stephen Hawking senza che gliene sia rimasto nemmeno un briciolo per questo film. O Tuppence Middleton che tenta un numero di trasformismo come Charlize Theron nei panni della regina cattiva ma ha ancora parecchio da correre e Channing Tatum che corre pure troppo. Per aria. Sui pattini.

E poi?

E poi basta. Si rimane con quella stessa domanda che si pone la protagonista.
Ovvero cosa, cosa significa?

R.I.P.

sirchristopherlee

Tomorrowland: the Unbearable Lightness of Optimism

In 1984, while I was busy being born, Milan Kundera wrote about two women, two men and a dog.
To one of them, life was unbearably light.

Well, this movie is unbearable too, in a way that extraordinaly resembles Nesnesitelná lehkost bytí, though hopefully not bearing the same consequences.

Unbearable, I was saying.
And extremely banal too.
So banal that one might think the director completely incognizant of what he’s doing. And he had to be, if this movie is the reason he turned down The Force Awakens as he told Empire this month.
Better to work on something original, he says.
Better to have a blank paper, a sandbox, he says.

Yes, but that was Star Wars, you moron.
For good or ill, it will be remembered, it will stay in our memory forever and maybe we will curse his name, alright, but still, isn’t it better to be loathed than to be forgotten?

This movie, on the other hand, will be probably forgotten in… hey, what movie were we talking about?
Ah, Tomorrowland.
Right.
Actually, you know what? This movie is so bad it might take a while (and lots of vodka) to forget about it.

 And no, before you start it, I am not talking about George Clooney. I like the guy, and he’s probably the only good thing in this corny, bungled, technicolored mess of a movie.

But let’s try to get ourselves organized (and you might as well grab a beer, ’cause it’s going to take me a while).

Have you seen the trailer?
The trailer has everything.
It has pathos, it has rythm, it has good acting, and momentum. It has mystery, with this young girl discovering the fantastic pin that will lead her to catch a glimpse of this future that never was but might have been. It has tension, with that Edisonic count-down towards the end of the world. It has action, with laser beams and bathtubs rocketing into the sky. It has charm, with steampunk mechanical  wonders and a sci-fi city worthy of The Fifth Element. It has Hugh Laurie, dramatically looking into the middle distance, and a girl with wide eyes and a Nasa baseball hat. And it has the Tour Eiffel splitting apart and igniting. What’s there not to like?
Absolutely nothing.
Unfortunately, the movie has nothing else. Nothing apart from what you already saw in the trailer.

Ok, just to be frank it has a ninja robot child. And they were right not to put her in the trailer, as I would have never ever ever gone to see a movie with that thing on screen. Her absolutely shitty acting hasn’t improved since Snow White and the Hunstman. Only, there she was shining in comparison with her older self (yes, I’m talking about Raffey Cassidy vs Kristen Stewart). Here, she doesn’t have that luxury, as she plays never-aging robot-girl Athena, whose programatic reason for living is recruiting new dreamers to involve in the Tomorrowland project.
But she’s not the only reason this movie is totally despicable, and I’ll try not to give in to my personal loathing of children. If I can.

Let’s take it from the start.

This is a movie that doesn’t want you to be worried, because apparently this is not good for your soul. So it starts with a good old flash-back, with both the main characters telling you the story. Don’t you worry, child: they will have adventures and stuff, but nothing bad is going to happen to them, as you saw them exchanging jokes and pranks at the very beginning of the movie. And since the very basis of the movie is that we are running out of future, you can see how that is not working at all. It is as if someone took a very good novel by Ph. K. Dick (you know, the one about people seeing the future and the future getting worst because they are seeing it?), flicked through it, took its general principles and then someone else rushed in, saying that we have to give kids a happy ending. Ok. I know. They already did that. It’s called Minority Report. But I can’t shake the feeling that with Tomorrowland they did it again.
Why is the future bad, then?
Because someone, a while ago, in this far away place where scientists were brought together to imagine a bright new world, invented something that was not supposed to be invented.
Ok.
That sounds like good sci-fi stuff, I know.
But this thing that was never supposed to be invented is not a weapon, is not a disease, is not a Teletubby. It’s a screen that broadcasts the future. And since the future sucks, everybody is getting depressed and the future is getting worst, broadcasting itself. And so on.
The world is on the verge of annihilation, the Doomsday Clock is ticking again.
Which also sounds like good sci-fi stuff. I know.
Just imagine to take this, and squeeze it into ten minutes at the end of movie. Fill the rest of it with people that were apparently trying to kill you but magically they are not anymore. Shake it. Add a pinch of out-of-place comedy just to make the bad guys even less scary in case you just forgot that technically they are not even bad guys. Shake it again. Add some conspiracy which technically is not a conspiracy since apparently everybody knows about it. Add some father-and-daughter stuff, with no consistency nor explanation nor involvement in the main story. Add the robot-ninja-child. Add details and overload them with importance just to toss them away as if they carry no significance (and guess what? They don’t). Add some Star Wars merchandise, since it’s the same franchise after all. Then, take us back to the happy ending. And leave us optimistic, dreaming about pink elephants. The grand message of this 130 minutes pamphlet seems to be something that Walt Disney himself would have liked: the world needs dreamers. Just, old Walt himself had pretty good ideas of what to dream for, he was pretty damn specific. In fact he was so specific that he turned out to be controversial. Of course we can’t afford to be controversial, these days. So let’s be vague. Optimistic, of course, but vague. No actual message here. Just, nobody likes a whiner.

Honestly, I’m relieved that Brad Bird actually did turn Star Wars down.
I wanted to tell you this in your native language.
Thanks, buddy.

Incanti (bio meccanici e non)

Well, I’m no Progmistress and that’s a fact.
I understand very little about music and therefore I’ll be breaking one of Nanni Moretti’s golden rules by talking about Greek Epigraphy (i.e. things I don’t understand). But Heaven knows I’ve been waiting for this and when it finally got here… well, I was just too damn busy with not being unemployed and everything, and I missed it. That should teach me not to be too busy with things, and that’s one thing I will never learn. Anyway, since it seems we have half a day on our hands, let’s just take a deep breath and take our time to review a long awaited album: Ubi Maior‘s third endeavour, Incanti bio meccanici.

Now, everyone knows a friend is still a friend, even if we haven’t been in touch for years, so I might be partial to this.
But still, I haven’t been partial in admitting that I didn’t like Senza Tempo so much. Then again, I understand nothing at all about music and I’m strictly expressing my personal taste when I say that Incanti bio meccanici is a delightful album.
And let me just be clear: I didn’t like Senza Tempo probably because it was too difficoult for my ear, but that doesn’t mean Incanti bio meccanici is simpler, or less ambituous. Still, it speaks to certain cords of mine which are more sensible (or should I say less unsensitive) than others.

First of all, Incanti has epic and literature and magic and playful word tricks just as much as Ubi Maior’s previous works, but in a way is more similar to that glorious unparallel ballad that was Nostos‘ title track. And yet it has been said to be less dark, more symphonic, less traditionally Italian prog. Well, I don’t know about that, but still…

..

Teodora, the first track, opens with soft, romantic and malinchonic sounds, in a straight connection with Nostos and speaks about Calvino’s Invisible City. Teodora is one of the hidden cities of Chapter 9, along with Raissa, Marozia, and Berenice. Teodora’s citizens have been at war for centuries and they have triumphed against every invasion: birds were extermined only to leave a prolipheration of snakes, and when snakes were killed the city was overflown by spiders and flies, and insects and thermites. And then there were mice, the most vicious of them all. And this song brings them to light with extraordinary passion around 7:40, probably my favourite passage of this extraordinary suite«Siamo i bastardi, siamo i reietti, siamo i colpevoli, i maledetti, bestie da marchio, catene, tortura ma non abbiamo paura di voi con le vostre divise stirate, occhi di plastica senza pietà adesso ascoltate: noi restiamo qua». You’ll not be able to hurt us, they scream. And then the song comes around, reprises the themes of its second section. It’s no more time to hide in order to survive. Teodora’s citizens were victorious and the city stands tall, with only books to remember the extermined fauna. People are celebrating (15:30). It’s time to rebuild the city to reign and shine again. Or maybe not? Previous species were chased away in an ancient time and they are now awakening, stirring underground, ready to take over the city. «Occhi curiosi nel buio che guardano, occhi rabbiosi di cani che cercano me». They carry an antique name. They are sphynxes and dragons, chimeras and hydras, but Ubi Maior’s song twistes the meaning of the novel (or at least chooses one of many possible intetrpretations): are they invented, and will another enemy be enough to keep the city united?

..

Alchemico Fiammingo is significantly less lenghty, but nonetheless equally intense. Violin and guitar, equally scathing, prelude to an unexpected sound. Its literary inspiration is Marguerite Yourcenar‘s L’Œuvre au noir or, more specifically, another city: the city of Bruges, ravaged by religion, war and plagues, where the old Zeno sets his feet. «Ha i capelli più bianchi, gli occhi più stanchi, nella sua mente ha un mondo intero, è uno strano straniero tra la sua gente».

In alchemical treatises, the formula L’Oeuvre au Noir, designates what is said to be the most difficult phase of the alchemist’s process, the separation and dissolution of substance. It is still not clear whether the term applied to daring experiments on matter itself, or whether it was understood to symbolize trials of the mind in discarding all forms of routine and prejudice. Doubtless it signified one or the other meaning alternately, or perhaps both at the same time.

It’s the nigredo, death and decomposition from which alchemy believes to be able to create life. The city of Bruges in Yourcenar’s novel is this: death, stirring. The main character seeks to elevate himself in an alchemic process but ultimately fails, after studying too much, learning too much, and too much for nothing. He is condemned, and Mario Moi takes the role of his accuser. «Sotto terra, in mezzo agli angeli, o fra i diavoli, su nel cielo. Cos’è giusto e cos’è vero è difficile. Voi sapete che cosa dire, ve l’ho detto che cosa fare: condannare con un pollice è più semplice. Siete forti, siete tanti, siete tutti qui davanti. Decidere è un attimo, ormai». Instrumentally extraordinary, with an unparallel violin.

..

I cancelli del tempo talks about a hidden city, a magic parallel world where an immortal beloved awaits. «Se ho calcolato giusto, tra poco mi apparirà: una città intera, non sembra vera e invece guarda, eccola qua. Ieri non c’era. Domani non ci sarà». It’s probably the most depictive song of the whole album, with a fresh sound and Mario’s voice dancing a clear path above guitar, keyboard and drums. Day by day, the city is described as a place without time, where eternal guests are living in joyous stillness, and it is said to be a homage to the legendary Kitezh, a Russian legend probably more famous because of Pavel Ivanovich Melnikov‘s In the Forests and Rimsky-Korsakov’s opera. And if you haven’t heard it yet, I highly recommend you at least listen to the Battle of Kerzhenets.

..

Lo specchio di Mogano closes the disc and, being another 20 minutes suite like Teodora, gives symmetry to this musical journey.
Another city awaits us: it’s Mahagonny of Bertold Brecht‘s Rise and Fall of the City of Mahagonny. and the musical opening is literally enchanting, probably the best minute of the whole album.
Mahagonny is a city of gold, where there are no prisons and work is unnecessary: the singer puts on the hat of Jimmy Mahoney, lumberjack longing for this city of wonders. «Venite tutti quanti. Venite tutti. Venite ad assaggiare donne e banchetti. È davvero la città dell’oro: cosa aspettate ancora? Cosa aspettate? È qui per voi». But of course Mahagonny is a scam: it’s a city where love is for sale, just as liquors, and everything is legal as long as you pay. Even a hurricane can’t hurt her. Until the mahogany mask falls, the entrapped Jimmy Mahoney sings for the sun not to come up, ending his last night. The world is always beautiful, if seen through a wooden mirror, but it just cannot last. It was beautiful to pretend to sail on a pool table. It was beautiful not to have money: just love, just true friends, just weed to smoke. But to be broke in Mahagonny is a crime, possibly the worts crime of all. Still, the song doesn’t tell us that and fades away, with jazz flavours that Kurt Weill would have appreciated.
And so have I.

note: the digital version of this album has no booklet and I couldn’t find official lyrics anywhere online, therefore I sincerely apologize for any misheard or misquoted lyrics. Still, nothing is more hilarious than a misheard lyric, so I’m hoping you’ll enjoy anyway.

If you don’t know Ubi Maior, please take your time to sit back and listen. Nevermind the reading.
Incanti bio meccanici is their third album. Their second work, Senza Tempo, was inspired by Neil Gaiman‘s Sandman. If your ears are unrefined and filled with travertine dust as much as mine, I recommend you at least listen to Desiderio (per cosa si uccide) and Distruzione (il mercenario). And then of course you should support them.

expo 2015: il BIM non si mangia, però…

Ebbene me ne stavo lì,
mi facevo i fatti miei,
cercando un sistema semplice per collegare tra loro alcuni parametri di famiglie Revit
ricorrendo a qualche reminiscenza di trigonometria.
Non stavo minimamente badando all’Expo,
ma apparentamente l’Expo stava pensando a me.

In piena Serendipity, su una rivista specializzata (in tutt’altro) ho trovato un interessante articolo di Emilio Antoniol che intervista  Daniele Aiola circa le straordinarie avventure di un facciatista alle prese con le vetrate di Palazzo Italia, il padiglione nazionale all’expo 2015 progettato da Nemesi & Partners e portato in esecutivo da Tekla (strutture) e  AiolaDesign srl, appunto, per le facciate. Si parla di BIM, di come gli strumenti a disposizione siano adatti e di come non lo siano, e di tanti altri ghiotti argomenti.
Così mi è presa la curiosità.
Quali delle strutture presenti nella nostra esposizione universale sono state realizzate facendo ricorso al Building Information Modeling, perché e con quali risultati?
Ecco il primo esito di una rapidissima e sommaria indagine.

Il colpo d'occhio: padiglion expo e BIM

Un primo colpo d’occhio: padiglioni expo e BIM

Palazzo Italia: la dura vita del facciatista

Quando si parla del nostro padiglione, l’elemento più pubblicato è probabilmente il cemento biodinamico della facciata, riguardo al quale Italcementi sta portando avanti una campagna di comunicazione a dir poco estensiva. Ma Palazzo Italia non è solo quell’involucro fibroso che lo avvolge come il bozzolo di una farfalla: è anche la vetrata dietro a quella pelle, e una straordinaria vela in vetro entrambi progettati dalla AiolaDesign, intervistata nell’articolo che ha dato il via alla mia curiosità. Nell’articolo si parla estensivamente di progettazione 3d, con particolari focus tecnici sul punto di origine del modello, oltre che di interoperabilità con Tekla Structures che ha ingegnerizzato (si tratta sempre di BIM, naturalmente) le strutture. Si parla poco di dati, tuttavia, lasciando una certa curiosità di comprendere meglio come si sia articolato il workflow. Software utilizzati: DraftSight (bozze bidimensionali per i profilati strutturali), FP Pro Facade (ordinativo dei profilati estrusi e dei relativi accessori), SolidWorks (disegni tridimensionali dei singoli componenti). Leggere per credere.

 

Emirati Arabi Uniti: dune in Grasshopper

L’uso del BIM per questo padiglione è stato presentato come caso studio all’incontro B[uild]smart lo scorso MADE expo, da Omer Mert (assistente project manager per Rimond) e dalla professoressa Ingrid Paoletti del Politecnico di Milano, quindi non risulterà cosa nuova a chi era presente (personalmente ero impegnata a terminare il nuovo museo Kartell ma questa è un’altra storia).
Il progetto del padiglione è di  Foster +Partners, e si articola in un percorso circolare che attraversa diversi ambienti dalle pareti ondulate, per arrivare al blocco centrale cilindrico dove è proiettato un cortometraggio. Rimond ha sviluppato in BIM il modello strutturale e impiantistico, e si è occupata della hard clash detection per entrambe le discipline (per chi si fosse già dimenticato che cosa significa, cercavo di spiegarlo qui). Le rampe sono state modellate in Grasshopper (il sistema di modellazione algoritmica di Rhino). La presentazione, con qualche schermata dei modelli analitici, è disponibile qui.


Messico: la pannocchia gigante

Progettato da Francisco Lopez Guerra Almada, il padiglione riprende le forme delle foglie attorno a una pannocchia di mais, prodotto distintivo del Paese e che secondo la mitologia Maya sarebbe la sostanza con cui gli dei plasmarono l’uomo. L’acqua, il secondo elemento vitale che servì agli dei per dar forma all’uomo, è elemento centrale all’interno della struttura, in un sistema di anelli e rampe che rimanda al raffinatissimo sistema ideato dal re filosofo Nezahualcoyotl. Per informazioni sulla progettazione del padiglione e sui suoi significati, rimando al bellissimo articolo comparso su Domus.
Lo studio Project Line ha realizzato i disegni di carpenteria del padiglione avvalendosi di Tekla Structures, con quello stesso gruppo Nussli che ha appaltato a Progetto CMR la progettazione esecutiva del padiglione a vele triangolari rappresentante il Kuwait. Franco Bernardi di Project Line parlerà di questo padiglione il prossimo giovedì 21 maggio, alla giornata organizzata da Harpaceas per gli utilizzatori di Tekla.

 

Federazione Russia: la rampa di lancio

È di Sergei Tchoban, a capo dello studio SPEECH, il progetto di un padiglione russo che ci parla principalmente di innovazione scientifica e che per questo sceglie una forma strutturalmente ambiziosa, protesa verso il cielo, combinata a giardini pensili e piattaforme verdi. Ma sono i londinesi di Engenuiti, con ufficio distaccato a Milano, a occuparsi della progettazione strutturale o, come la chiamano loro, della progettazione in BIM di geometrie complesse.
I nervi strutturali che sorreggono l’ambiziosa piattaforma sono in legno lamellare, con interasse di 6m l’una dall’altra, e in legno lamellare sono anche i pannelli di tamponamento superiore e laterale che raggiungono dimensioni fino a 3 x 18 m. Più efficiente, più economica, più leggera, più rapida da costruire rispetto alla tradizionale carpenteria metallica. Vedere per credere.

 

Ungheria: l’arca di Noè

Il padiglione si rifà agli elementi tipici del paesaggio ungherese e si compone di due tamburi laterali, ispirati al mondo sciamanico, sulle cui teste è raffigurato un albero della vita da cui scorre l’acqua. I due tamburi racchiudono una gabbia ispirata alla chiglia di una nave, l’arca di Noè appunto come simbolo di ciò che preserva la vita. Gran parte della struttura è realizzata in legno lamellare, cellulosa e altri materiali riciclabili, e al termine dell’esposizione sarà riportato in Ungheria, dove ospiterà un centro di ricerca.
Costituisce il terzo progetto expo vinto dall’impresa Vitali di  Cisano Bergamasco, dopo l’expo Gate (compreso dello svincolo con spettacolare ponte progettati in Revit dallo studio Antonio Citterio, Patricia Viel & Partners) e il padiglione della Kip International School (vedi più avanti). Come gli altri due progetti, anche il padiglione ungherese è stato realizzato in BIM. Ne aveva dato l’annuncio l’inserto bergamasco del Corriere, in settembre.

Vietnam: il villaggio degli ewok

Splendide strutture intrecciate simili ad alberi, sulle quali a loro volta cresono altri alberi: è questo il suggestivo e lussureggiante scenario che costituisce il padiglione del Vietnam, riflesso da uno specchio d’acqua su cui poggia l’intera struttura.
Ne ha parlato brevemente lo scorso 26 marzo l’ing. Aldo Bottini di BMS progetti, che ha partecipato anche alla progettazione di strutture e impianti per il Padiglione Italia (presumibilmente insieme allo studio Capè, che ne parlerà sempre alla giornata di Harpaceas) nonché alla progettazione esecutiva del padiglione JooMoo. Gli atti della sua conferenza, all’interno della BIM Conference organizzata da One Team, sono scaricabili dal loro sito.
La realizzazione del padiglione è stata affidata alla Proger, già coinvolta nel padiglione Italia fin dalla sua progettazione.

 

Cascina Triulzia: progettazione impiantistica e BHIMM

60 Organizzazioni della Società Civile vanno a comporre la Fondazione Triulza, ente fondato appositamente per la gestione di questo spazio. E della relazione tra questo progetto e il BIM ci ha parlato Silvia Mastrolembo Ventura lo scorso 16 aprile, all’ordine degli ingegneri di Lecco (qui è possibile scaricare le slide del suo intervento). In particolare, si tratta di progettazione impiantistica e di intervento su una struttura esistente e, quindi, di Built Heritage Information Modelling and Management (BHIMM, per gli amanti degli acronimi). Questa particolare branca del BIM, molto appetibile per l’Italia, è attualmente oggetto di un Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN, sempre per gli amanti degli acronimi) che coinvolge il Politecnico di Milano, il Politecnico di Torino, l’ITC di Bari, l’Università di Brescia (da cui proviene l’ing. Mastrolembo), la Sapienza di Roma e l’Università di Genova. Il progetto non è iniziativa nuova e nasce da un concorso del 2011. Per gli interessati, consiglio l’articolo apparso a suo tempo su inGenio.

 

Kip International School: le torri del villaggio globale

Sono sempre Rimond e Vitali, cfr. padiglione ungherese, a occuparsi di questo padiglione che rappresenta la scuola fondata nel 2011 da Edgar Morin e sostenuta dall’ONU. La struttura si ispira al concetto di villaggio mondiale ed è composta da un percorso attraverso il giardino dell’ONU, che raggiunge infine una piazza su cui si affacciano quattro edifici ispirati alle costruzioni in terra dei villaggi rurali africani.
I render e le descrizioni parlano di materiali a chilometro zero, senza entrare nei dettagli, ma suggerisco di guardare qualcuna delle fotografie scattate dai visitatori: parlano di uno spazio estremamente suggestivo, di rivestimenti estremamente particolari per le gradevoli forme delle quattro torri, oltre che del tanto celebrato spazio 4d in cui sarebbe possibile immergersi in una simulazione senza l’ausilio dei tradizionali occhiali.

 

New Holland Agriculture: il prisma verde (o quasi)

La CNH Industrial, Global Partner di Expo, ha realizzato la struttura del suo padiglione con elementi in carpenteria metallica progettati in BIM e assemblati in un sistema costruttivo completamente a secco, privo di fondazioni. Chiamato New Holland Agriculture, il suo padiglione espone macchinari agricoli e ha la forma di un prisma triangolare sdraiato: le due basi e il lato lungo sfoggiano la più classica delle facciate continue, completamente vetrata, mentre il retro è una falda inclinata verde che raggiunge il suolo ed è percorribile a piedi. Le immagini presenti sul sito di expo mostrano un albero della vita sia sulle facce vetrate che sul prato inclinato, ma differiscono in maniera abbastanza sensibile dalle fotografie che si trovano della struttura completata. Il progetto è di Carlo Ratti, e si concentra sull’agricoltura sostenibile, sulla dimostrazione di macchinari a zero emissione e su un complesso sistema di realtà virtuale che, all’interno del prisma, espone non solo le nuove tecnologie CNH ma anche la costruzione del padiglione stesso.

JooMoo: chi era costui?All’interno dell’area Corporate, campeggia il padiglione chiamato “Stupefacente Asia”, ingegnerizzato in BIM da quella stessa BMS dei padiglioni Vietnam e Italia, e con quest’ultimo condivide anche il progettista. Si tratta di una struttura con taglio prettamente high-tech, che fa larghissimo uso di superfici riflettenti e proiettate, di monitor e superfici in stretta relazione con il tema dell’acqua, per esporre le arti e le culture asiatiche in tutta la loro complessità e varietà. Il gruppo committente è cinese e si occupa di cultura, real estate, internet, energia e scuole. Tutto, insomma. Suo partner locale è Alessandro Rosso, operator primo rivenditore ufficiale dei biglietti expo. Per loro, Nemesi progetta un oggetto ben illustrato in questo articolo di Abitare, e la sua struttura in acciaio è tutt’ora osservabile in tutto il suo splendore, almeno stando a Wired, perché il padiglione non sarebbe finito. Se però non avete voglia di andare fino a Rho per verificare l’informazione, potete accontentarvi delle belle immagini delle strutture, progettate con Graitec Advanced Steel e pubblicate sul sito di FM.B.
Ma si parla di BIM anche per le gradinate dell’Open Air Theatre San Carlo, realizzate sempre con Tekla Structures da Structurama Srl, per la nube rossa di Vanke e per le nervature del padiglione zero. Insomma, insieme al resto dei mille stimoli culturali, sembra che Expo ci fornirà casi-studio sul BIM per parecchio tempo. Rimbocchiamoci le maniche.

Let’s do the Time Warp (again)

Sono passati tanti anni da quando il Rocky Horror Show è stato a Milano l’ultima volta. Sono passati talmente tanti anni che al Teatro Nazionale non era ancora passato Piero Lissoni e la grande sala aveva ancora le tradizionali poltrone rosse.
Per l’esattezza, sono passati dieci anni. Anche se la cosa fa un po’ impressione.
Allora il ruolo di Frank N Furter era interpretato da uno straordinario, inimmaginabile Bob Simon, che riuscì a trasformare I’m going home in un autentico trionfo, seguito da buoni e meritatissimi dieci minuti di ininterrotti applausi. Il narratore era estremamente glam e deliziosamente magnetico nel coinvolgere il pubblico con il suo squisito accento. Rocky era… beh, come dire… diciamo che era molto molto abbronzato, ecco.
Quest’anno, il Rocky Horror torna con un cast diverso e si insedia al Teatro della Luna, per rimanerci fino al 20 maggio. E sembrava semplicemente appropriato che, dovendo festeggiare anche i nostri dieci anni, si andasse proprio a vedere una storia romantica come questa.

Lo spettacolo inizia ancora prima di iniziare, con la proiezione di spezzoni vintage tratti da quei b-movie di culto cui fa riferimento il primissimo brano del musical, ovvero Science Fiction, Double Feature. Troviamo quindi Ultimatum alla Terra, L’uomo invisibile, quel King Kong con Fay Wray che verrà citato dalle stesse scenografie nel musical e l’improbabilissimo Tarantula, con una pletora di mostri e alieni, dame in pericolo e intrepidi eroi. Poi sullo schermo appare il pianeta terra, e presto diventa sfondo per il primo numero musicale.
Uno spettacolo quindi che non si affida del tutto alle scenografie tradizionali ma fa uso di alcune quinte multimediali, sia per le prime scene che per il viaggio d’arrivo al castello. Ma il palco è forse troppo piccolo, i microfoni un po’ tradiscono (e un po’ a tradire è la voce). Fatto sta che personalmente la rappresentazione non mi conquista, almeno fino a quando non si illumina un omone pallido e allampanato, in cima a una scala, con occhialetti alla John Lennon e una certa somiglianza con il mio amico Glorfindel. Stuart Matthew Price è un Riff Raff straordinario, epico, che irrompe in There’s a Light con un vocalizzo inaspettato e da brividi (vedere per credere qui, qui o qui) e ci accompagna, in un crescendo costante, attraverso il Time Warp fino a Sweet Transvestite. E il problema di Rob Fowler (Frank) non è tanto quello di essere biondo – ci mancherebbe, non siamo così puristi – quanto quello di entrare in scena dopo una performance del genere. Un Frank sensuale, certo, e irresistibile nel rispondere da diva offesa alle tradizionali interazioni del pubblico, ma un Frank che manca della giusta potenza vocale, specie se confrontato con Bob Simon (e come dimenticare la sua gag dello svenimento, complice il tecnico delle luci?).
Fowler ci regala comunque un delizioso Whatever happened to Fay Wray durante il Floor Show, che lo vede indossare l’abito bianco della diva, e apparire seduto su una gigantesca mano di King Kong con alle spalle il cartonato di New York. E l’intero Floor Show, con piume di struzzo e un tripudio di sipari, giunge come una sorpresa al termine di una serata parzialmente sottotono: Columbia tira fuori la voce, Janet tira fuori la grinta, il corpo di ballo dà fondo alle munizioni, il vero aspetto dei due servitori è a dir poco esilarante. E io rimango con la sensazione di essere incappata in una serata parzialmente sfortunata, per un cast che non ha dato il suo meglio. Shall we try that Time Warp again?

Clash detection – i tre livelli del BIM

Dato che recentemente ci siamo scontrati con questo problema per uno studio di architettura mio cliente, riporto i prospetti che ci hanno aiutato a chiarirci le idee, nella speranza che siano di aiuto anche a qualcun altro.

Quando si parla di clash detection in BIM, vengono individuati tre categorie di clash (da non confondere con i livelli: vedi più avanti). Se la prima categoria è ovvia, le altre due possono risultare un po’ meno intuitive.

 

Hard, Clearance e Workflow: i tre tipi di clash nel BIM

Hard, Clearance e Workflow: i tre tipi di clash nel BIM

Hard Clash, ovvero impiantisti allo stato brado. È il clash più comune, e si verifica quando due oggetti sono fisicamente in conflitto. Un condotto dell’aria condizionata che attraversa una trave appartiene a questo tipo di clash. Generalmente si richiede che questi clash vengano sempre risolti nel modello, sin dalla fase di Concept, e generalmente essi vengono risolti spostando uno dei due elementi. Può anche accadere che il conflitto venga risolto sostituendo uno degli elementi con un elemento che consenta di risolvere il conflitto in cantiere. In questo caso, si può parlare di Hard Manageable Clash, ovvero un conflitto noto che verrà risolto in fase di realizzazione. Questa risoluzione, a seconda del protocollo cui si aderisce, può non essere accettata. Il tipico esempio, è la sostituzione di un condotto dell’aria condizionata con un manicotto flessibile. In questo caso è comunque necessaria un’alterazione del modello (la sostituzione del componente) ed è consigliabile mantenere viva la segnalazione apponendo un qualche tipo di mark.

Il classico esempio di Hard Clash: quando gli impiantisti non si parlano (un portacavi attraversa un condotto dell’aria condizionata)

 Si parla di Clearance Clash (o Soft Clash), quando due oggetti non si compenetrano fisicamente, ma la loro prossimità è tale da renderne impossibili o eccessivamente difficoltosi il montaggio e/o la manutenzione. Può trattarsi ad esempio di una gola per illuminazione a controsoffitto troppo stretta, che non consente di montare o sostituire le lampade, di un vetro che non è possibile pulire, di un profilo che non è possibile avvitare. Generalmente si richiede che questi conflitti vengano risolti in fase di Schematic o, al più tardi, di Design Development e naturalmente si tratta di conflitti estremamente difficili da individuare. Per quasi tutte le discipline impiantistiche, è richiesto che gli spazi di tolleranza vengano modellati. Il come rimane problema del BIM coordinator.

 

Un tipico esempio di Clearance Check: l’architetto non ha senso pratico (una trave impedisce di pulire la parte superiore del vetro)

La quarta e più spinosa categoria di clash è la 4d o Workflow Clash. È un conflitto di tipo temporale e si verifica quando due oggetti dell’edificio sono progettati in modo da collidere o sovrapporsi in fase di montaggio. La sua risoluzione potrebbe essere responsabilità del progettista, ma più spesso è responsabilità del direttore lavori, e coinvolge informazioni che non sono presenti all’interno del modello, come i percorsi di ingresso delle merci o i luoghi di deposito dei materiali. Difficilmente è richiesto che questi conflitti vengano risolti prima della gara d’appalto.

Una classica Time Collision: l’interior designer ha manie di grandezza
(il tavolo deve per forza essere portato nella stanza prima del montaggio della vetrata)

 A queste categorie di clash si sovrappone trasversalmente il concetto di Collision Level, che gestisce quando e come i diversi tipi di clash devono essere risolti dalle diverse discipline. Il livello 1 è quello con massima criticità e deve essere risolto immediatamente all’interno del modello. Il livello 2 ha alta criticità ma può essere risolto in fase di riunione di coordinamento. Il livello 3 comprende collisioni importanti ma in continuo divenire ed è quindi accettabile che vengano risolte solo in chiusura di una fase. Bisogna ricordare che queste categorie sono applicate a un BIM collaborativo, una situazione in cui il modello viene condiviso regolarmente tra le varie discipline, e non semplicemente consegnato in chiusura di fase.

La tabella che segue è solo un esempio di come i due diversi concetti si possono intersecare. A seconda del tipo di progetto, il Level 1 può coinvolgere le sole discipline impiantistiche, mentre il Level 2 generalmente coinvolge i componenti d’arredo, fissi o mobili. Curiosamente (per non usare altri avverbi), mi è recentemente capitato di vedere che in alcuni paesi gli spazi di manovrabilità per i disabili vengono considerati Level 3.

Come segnalare i clash e vivere felici
Premesso che siamo in un Paese libero e non normato, quando a BIM, ciascuno è libero di segnalare i clash come meglio crede, anche lanciandosi la pasta della pizza in perfetto stile Gassman e Tognazzi nei Nuovi Mostri. Tuttavia, è sempre preferibile che il metodo di segnalazione sia coordinato e condiviso tra le varie discipline. Sotto il tab Collaborate, il “nostro” Revit ci fornisce lo strumento Interference Check, che consente di selezionare a coppie le categorie (in modo non molto diverso dalle due tabelle di esempio) e genera un report attraverso il quale è possibile selezionare i vari elementi che generano interferenza e agire sugli stessi. Il report è anche esportabile, per documentazione o segnalazione, in un (s)comodissimo formato html. Il che, naturalmente, è molto poco BIM.
Molti scelgono di utilizzare le nuvole di revisione, scambiandosi un modello che contiene delle cosiddette viste di coordinamento. Nonostante questo sia un metodo leggermente più BIM del primo (e non ci vuole molto a essere più BIM di un file html esterno al modello), è un metodo che personalmente trovo piuttosto “analogico”, perché non si lega agli oggetti del modello ma rimane relativo alla vista, con tutte gli imprevisti e le possibilità di incomprensione del caso.
Strumenti specifici di coordinamento come Solibri Model Checker o  Tekla BIMsight consentono di agganciare la segnalazione del clash agli specifici oggetti coinvolti e credo che questa dovrebbe essere la strada da seguire anche nel caso software come questi non facciano parte del workflow previsto. Un possibile workaround per consentire all’informazione del clash di rimanere agganciata all’oggetto anche all’interno del “nostro” Revit potrebbe essere quella di creare un parametro testuale condiviso “Clash Warning”, applicato a tutti gli oggetti del modello. In questo modo, non solo potrebbe essere possibile creare delle schedule che visualizzino tutti i clash segnalati, ma per i più tradizionalisti sarebbe comunque possibile mettere in tavola le informazioni, taggando gli elementi con un’etichetta che vada a pescare proprio il parametro “Clash Warning”. Con un semplice filtro, sarà anche possibile evidenziare tutti gli elementi con un commento al campo “Clash Warning”, per un colpo d’occhio che catturi l’attenzione anche dell’impiantista più pigro.
Ma, naturalmente, anche lanciarsi la pasta della pizza può rivelarsi efficace.

NBS National BIM Report 2015: traiamo conforto dalla Gran Bretagna (oppure no)

Fresco fresco o quasi, sfornato a fine aprile dal National Building Specifications (RIBA Enterprises) per il quinto anno di fila, fa il giro dei social network il National BIM Report del 2015. Il documento è scaricabile gratuitamente a questo indirizzo e ci offre circa venti pagine di analisi, dati e grafici circa gli sviluppi del BIM sul territorio britannico nell’anno 2014. Vediamo un po’ come si stanno muovendo i nostri colleghi con ombrello e bombetta, nel Paese che dovrebbe essere l’avanguardia del Building Information Modeling.

Consapevolezza BIM: livello 2 e livello 3
Il dato che più mi ha fatto sorridere, non viene riportato nei quattro highlight dell’articolo di presentazione ma si trova nello stesso bacino di domande preliminari circa l’uso del BIM e il livello di consapevolezza rispetto al metodo.
Alla domanda “Quale diresti sia stato il più alto livello di BIM raggiunto dalla tua azienda in un progetto?”, queste le risposte degli intervistati, confrontate con l’anno precedente.

NBS National BIM Report 2015 - BIM level awareness 4

NBS National BIM Report 2015 – BIM level awareness (4)

A parte un confortante calo di livello 0, e un ancor più confortante aumento del livello 2 dal 51% al 59%, è interessante il decremento del livello 3 e ancor più interessante l’interpretazione che ne dà la NBS.

Level 3 remains a topic of occasionally intense
discussion, with agreement that at best it is
poorly defined. Many take the view that it’s
impossible to achieve, given the current tools
and standards that we currently have. Thus
the very slight decline in those telling us that
they have reached Level 3 is perhaps best
understood as an increase in awareness that
‘Level 3’ is unclear, rather than a drop in
BIM maturity per se.

Non siamo quindi meno maturi, bensì tragicamente consapevoli di essere tutti ben lontani dal famigerato livello 3 del triangolo Bew – Richards (quello in cui tutti corrono felici scambiandosi modelli IFC perfettamente funzionanti, parlano la stessa lingua e seguono gli stessi protocolli operativi).

Bew - Richards BIM maturity model

buildingSMART standards - IDM, IFC, IFD Il famigerato triangolo Bew – Richards per i livelli di maturità del BIM e, sotto, gli standard di buildingSMART da rispettare per qualificarsi come livello 3

Formati di output: 3d vs 2d
A parziale conferma di questo dato, una statistica particolarmente interessante per chi si occupa di implementazione riguarda, a pagina 12, il formato di output. Una grande fetta degli operanti nel settore, infatti, continua ad affidarsi a un output 2d, nonostante l’utilizzo di un BIM al livello 2 preveda l’utilizzo e lo scambio di modelli. È un fenomeno facilmente osservabile anche in quell’eccellenza degli studi italiani di progettazione che attualmente ha raggiunto un buon livello di BIM: il modello viene realizzato e condiviso, tra le diverse discipline all’interno (44% degli intervistati britannici) e all’esterno dello studio (54%), ma il formato dell’emissione rimane quello tradizionale. Le ragioni di questo fenomeno sono molteplici e possono essere di ragione contrattuale o semplicemente perché ci si muove ancora all’interno di quello che l’Australia ha chiamato broken circle, ma al momento non ci interessano. Ciò che è interessante per chi implementa è che la domanda di protocolli che consentano un buon output 2d a partire da un modello BIM non si esaurisce con il livello 2, ed è problema tutt’altro che banale.

NBS National BIM Report 2015 - BIM practice 1

NBS National BIM Report 2015 – BIM practice (1)

Un altro dato interessante è quello che riguarda l’utilizzo di un modello dall’inizio alla fine del progetto, ovvero fondamentalmente l’aderenza al BIM dal concept al detail design, fino alla fase documentale e di costruzione. Impossibile determinare, dal solo report, quali siano le fasi di competenza degli intervistati, ma per quanto mi riguarda anche questo è problema noto e quantomai spinoso: non è raro vedere studi di progettazione italiani abbandonare il BIM quando diventerebbe più utile, ovvero nelle ultime fasi in cui il rapporto tra gli sforzi e i benefici diventa davvero vantaggioso. Se in parte è confortante vedere che il 69% dei nostri colleghi britannici ha lo stesso problema, la cosa dovrebbe spingere a riflettere su quali siano le motivazioni che spingono gli studi ad abbandonare il BIM, o ad intraprenderlo solo in alcune fasi. Personalmente non sono un’integralista, e sono la prima a riconoscere quando alcuni particolari elaborati appartenenti a specifiche fasi devono essere portate al di fuori del software di riferimento, ma è evidente che l’efficienza del BIM a un più alto livello, che prescinde dal singolo elaborato, può riscontrarsi solo e soltanto se il flusso di lavoro si mantiene compatto e ogni figura coinvolta all’interno del processo di progettazione accetta di operare all’interno della “ruota”. Pena provocare un ictus al povero MacLeamy. Ma di questo parleremo in seguito.

la curva di MacLeamy per l'efficienza del BIM

L’abusata curva di MacLeamy per l’efficienza del BIM

È tuttavia molto confortante che solo un 11% degli intervistati britannici rimanga convinto che BIM sia sinonimo di disegno CAD in 3d (pagina 14 della ricerca). Sarei curiosa di leggere i risultati di una domanda simile posta nel nostro mercato italiano, e sospetto che la percentuale sarebbe di gran lunga più alta. Non per pochezza dei nostri professionisti, intendiamoci, ma spesso per autoreferenzialità dell’informazione, o per eccessivo orientamento al software dei consulenti.
E, parlando di Software, ulteriore dato interessante che ricaviamo dal primo grafico NBS riguardo all’esercizio del BIM è quanto poco vengano prodotti modelli con caratteristiche di interoperabilità indipendente dal software di realizzazione (l’annosa questione dell’IFC) e quanto poco vengano consegnati modelli al Facility Management (l’annosa questione del COBie). Prendendo le mosse dal recente convegno ANCE in Confindustria a Modena e dai dati che Lorenzo Bellicini ci ha graziosamente mostrato, il settore delle manutenzioni ordinarie è certamente quello in cui si trova la più ghiotta possibilità di espansione per il nostro mercato, ma quali siano le richieste di tale mercato rimane tutt’ora un affascinante mistero.

Le annose questioni dell’IFC e del COBie
Il fatto è confermato dalle successive due domande (pag. 13 del documento) in cui viene indagato l’utilizzo dei formati IFC e COBie. E se l’IFC registra un promettente aumento di popolarità (dal 39% al 49% in due anni), il povero formato di Construction Operations Building Information Exchange rimane negletto e decresce dopo un inaspettato picco del 23% registrato nel 2013. Ora, come giustamente rileva NBS, la scarsa popolarità del formato può essere dovuta alle oggettive difficoltà di approccio da parte di un appartenente all’industria delle costruzioni ma il suo abbandono rispetto all’anno precedente può anche essere indice di una crescente maturità, di un approccio maggiormente critico, in ambito BIM, rispetto ai formati di interscambio. Il COBie infatti viene fondamentalmente tradotto all’interno di uno spreadsheet, cosa che secondo molti operatori contraddirebbe il principio base del BIM, ovvero che tutti i coinvolti nella filiera allargata partecipino del medesimo modello contenente le informazioni necessarie ad esercitare la loro professione. Per ulteriori informazioni, si consiglia di sperimentare con gli strumenti del COBieLite messi a disposizione da buildingSMART. Posso testimoniare che è un formato difficile, la cui incorporazione all’interno di un flusso di lavoro risulta macchinosa e onerosa, e spesso non adeguatamente retribuita, in un mercato che fa ancora fatica a comprendere concetti assai più intuitivi come quello di asBuilt.

Utilizzo di IFC e COBie

L’utilizzo di IFC e COBie cresce da una parte e diminuisce dall’altra

Anche in questo caso, le difficoltà e l’approccio critico dei nostri colleghi britannici sono di conforto, da un lato, come lo è il dato relativo alla consapevolezza rispetto a questi formati (il numero di intervistati che non sa rispondere alla domanda scende dal 30% al 18% per l’IFC, e dal 28% al 16% per il COBie). Tuttavia quest’informazione sarà di ben poco aiuto se la categoria dei progettisti e dei costruttori, con l’aiuto dell’Accademia, non sarà in grado di rispondere con valide alternative da proporre al mondo del Facility Management. È folle pensare di poter pensare di cavarsela consegnando un modello IFC a un responsabile della manutenzione in Turchia, con una stretta di mano e tanti auguri per il futuro.

…a lot of effort (and money) has been put
into COBie, but the whole Excel sheet concept
contradicts the fundamental principle of a
common data environment.

L’altrettanto annosa questione della libreria
Altra questione spinosa, che emerge con prepotenza dallo studio, è il disperato bisogno dei progettisti di ricevere componenti da parte delle aziende di produzione. È un problema devastante, che va ben oltre la mancanza di blocchi CAD lamentata, nei tempi andati, durante l’adozione del disegno al computer: la mancanza di librerie adeguatamente modellate e compilate si equipara ad una mancanza combinata di blocchi 2d, blocchi 3d, documentazione fotografica, certificazioni e schede tecniche. L’assenza di una libreria riduce il fornitore a essere praticamente inesistente, in termini BIM, e così i suoi prodotti. Perché, come giustamente osserva il 47% degli intervistati, non si parla di BIM se nel modello non vengono collegate le specifiche tecniche dei componenti. Il 76% si dichiara completamente d’accordo con l’affermazione: “abbiamo bisogno che le aziende produttrici ci forniscano oggetti BIM“. Il 16% non sa rispondere. Potremmo assegnare d’ufficio la realizzazione delle librerie a quel 9% che si dichiara in disaccordo, ma non sarebbe una soluzione. Le aziende devono investire nella realizzazione di componenti che consentano ai progettisti di non decuplicare le fasi iniziali del loro processo. Gli studi devono investire nella realizzazione di librerie che consentano ai loro progettisti di progettare a partire da mattoni già ragionevolmente pronti, senza doverseli cuocere personalmente a ogni passo. I progettisti devono capire che nelle prime fasi di un processo BIM è necessario rimboccarsi non solo le maniche, ma anche la pelle delle braccia.

Dovendo portare a casa suddetta pelle come il resto dei progettisti al mondo, BIM e non BIM, il 69% dei progettisti britannici crea i propri componenti all’interno dello studio, per specifici progetti, e poi li riutilizza nei progetti successivi. Il 63%, per motivi che sarebbe molto interessante analizzare, crea i propri componenti all’interno dello studio ma li utilizza in un solo progetto e poi li disperde nell’ambiente, per ricominciare da capo la volta successiva. Solo il 10% si affida a professionisti esterni per la costruzione dei propri componenti, mentre il 60% dichiara di ricevere i componenti direttamente dalle aziende produttrici, e anche in questo caso sarebbe interessante indagare lo specifico settore di appartenenza degli intervistati. Oggetti generici, o segnaposto, e librerie on-line sono ugualmente popolari.

Using open libraries reduces the risk of objects
going out-of-date, and so becoming inaccurate.
It increases the opportunity for inter-company
collaboration through using a common
object source.

Certo, la costruzione di librerie comuni ci pone di fronte a quella che è questione marginale per chi si occupa di standard ad alto livello, ma che è questione cruciale per chi si occupa dell’implementazione di tutti i giorni: quale software? I risultati dell’NBS, a una prima lettura, potrebbero far cadere dalla sedia.

Last year we noted that ‘Graphisoft ArchiCAD
and Nemetschek Vectorworks continue to have
a loyal user base’. Analysis of the data suggests
that this loyalty has translated into a significant
increase of respondents to the BIM survey
among Nemetschek Vectorworks customers,
resulting in it being the most used piece of
software among our respondents, with 29%
using it. We suggest a little caution in taking this
as a definitive description of the UK market.

Mi unisco a questa raccomandazione. Come recenti esperimenti progettuali ci hanno dimostrato e come è sempre bene ricordare, Vectorworks offre diversi ambienti di lavoro ed è possibile utilizzarlo in modo assolutamente non BIM. Di più. È possibile impiegarlo prescindendo totalmente non solo dall’utilizzo di componenti intelligenti, ma anche prescindendo dal suo ambiente di lavoro 3d. Attenzione quindi, perché la popolarità di Vectorworks potrebbe indicare una latente resistenza al cambiamento, anziché una lealtà allo strumento nell’effettuare il salto. Ma quali sono i numeri?

Software in utilizzo: i numeri

Questi.

Ebbene il 29% utilizza Vectorworks ma un buon 25% adotta Revit, che con questo si conferma in testa rispetto al suo “concorrente interno”, AutoCAD. Certo, sommando gli utenti AutoCAD con gli utenti AutoCAD LT… ma è meglio non pensarci. Stupefacente, invece la scarsa popolarità che godono, nel Regno Unito, SketchUp di Trimble e lo stesso ArchiCAD, per tacere del povero AllPlan. Sospetto che la stessa indagine, in Italia, otterrebbe ben altri risultati.

Quanto siamo simili, quanto siamo diversi
Proseguendo nella lettura del report, a partire da pagina 17 terminano i dati e iniziano i casi studio. Un’occasione sempre ghiotta per verificare quanto siamo simili, ma anche quanto i nostri principi di progettazione siano diversi rispetto a quelli adottati dai nostri compagni d’avventura britannici.
E il primo punto di scontro, come spesso accade, riguarda il temuto LoD (inteso in questo caso come Livello di Dettaglio e non come Livello di Sviluppo e… sì, il fatto che il LoD e il LoD siano nati con la stessa sigla complica sempre orrendamente le cose). Alistair Kell, Direttore IT presso BDP, ci parla non solo di processo ma anche di Livelli di Dettaglio e si allinea, con il suo grazioso schemino di pagina 21, a quello che è lo standard LoD secondo il BIM protocol britannico e statunitense. E, come ben sappiamo, il dissenso inizia proprio sulla fase di Concept.

LOD britannico vs LOD personalizzato

LOD britannico vs LOD personalizzato (solito esempio, diversa poltrona)

La fase G1 del LOD britannico è forse il peggior nemico nell’implementazione del BIM all’interno degli studi italiani. E, francamente, chiama alla disobbedienza civile anche uno spirito pratico come il mio. Certamente ogni studio ha i suoi metodi e il concetto stesso di standard prevede che essi vengano abbandonati in favore dell’adozione di una linea unitaria. Tuttavia, almeno a livello nazionale, si riscontra una certa omogeneità nella discordanza rispetto allo standard UK. Lo step G1 è proponibile, e solo in circostanze particolarmente favorevoli all’implementazione, solamente come visualizzazione di lavoro che affianchi, in tempo reale, un upgrade al G2 (se non direttamente al G3) o un downgrade al 2d intelligente, che si potrebbe chiamare G0+) che risponda alla necessità del progettista di veder concretizzate le sue idee in una forma più vicina alla realtà, meno schematica e – soprattutto – sempre presentabile al cliente. Non dimentichiamo che, per la particolare costituzione del mercato italiano, gran parte dei progettisti hanno il primo cliente nel proprio datore di lavoro. Una fase di concept con le informazioni contenute nel LoD G0, e relativa rappresentazione grafica, risulta spesso completamente inaccettabile. Il flusso di sviluppo del modello ha quindi un moto oscillatorio, e non crescente, facilmente riassumibile con il solito esempio della poltrona applicato ai LoD intesi nella seconda accezione.

LOD vs LOD - livelli di dettaglio e fasi di progetto

LOD vs LOD – livelli di dettaglio e fasi, in un progetto “all’italiana”

Gli studi di progettazione italiani partono spesso da un Concept dettagliatissimo, sia in termini geometrici che in termini di informazioni correlate. Capita di sovente che la fase di Concept costituisca un unicum con la fase di presentazione. È quella fase in cui il progetto viene “portato a casa” (insieme alla relativa pelle di cui sopra), in cui si vuole dimostrare l’eccellenza dello studio rispetto alla concorrenza. La fase del concorso, della presentazione, del Concept, è una fase in cui il BIM viene tragicamente sottoutilizzato, per la sua scarsa reattività a quei problemi squisitamente grafici che non raramente vengono trascurati come secondari. E, di conseguenza, la non adozione del BIM sin dai primissimi passi del progetto è uno dei grandi freni all’implementazione. In BIM è possibile calcolare superfici, portare avanti accurati studi volumetrici, concludere – con poco dispendio di risorse – studi di fattibilità che con metodi tradizionali si rivelano onerosi e potenzialmente poco accurati. È possibile fare questo e molto altro, ma non in LoD 0. La maggioranza degli studi di progettazione che costituiscono l’eccellenza italiana, parte nel Concept da un LoD G2, se non addirittura G3. Questo particolare workflow, molto carico sia in fase di Concept che in fase di Detail, è quello che ci porta a sputtanare – con licenza parlando – la curva di MacLeamy. Questo è quello che spesso ci porta a pensare di non poter ottenere un vantaggio dal BIM, o di non poter investire nella sua implementazione. Ma per quanto io sia allergica al cercare vie diverse rispetto agli standard, forse è necessario proporre a livello nazionale un nuovo standard, che culli le nostre eccellenze e tenga conto delle nostre specificità. A margine, e riallacciandosi al discorso del COBie, forse è anche necessario capire davvero di cosa ha bisogno il LOD500, e quindi il Facility Management, a livello geometrico e di informazione correlata, perché personalmente nutro serissimi dubbi che lo standard britannico risponda effettivamente al bisogno. E questa analisi sembra darmi ragione.

Strettamente correlato al discorso dei LOD, è il successivo contributo a cura di Stefan Mordue (sì, proprio l’autore di BIM for Dummies), che si discosta dal problema geometrico per affrontare il problema delle informazioni legate ai componenti e al modello.

When you think of a model, perhaps the first
thing that comes to mind is geometry. This is not
surprising as models have been used for centuries
to set out a designer’s intentions – conveying
shape, space and dimensions. […]
However, while the geometrical or graphical
data can tell us the width of a brickwork leaf and
the height of the walls, at a certain point during
construction it is the written word that is needed
to take us to a deeper level of information.

Conclusioni: l’autoconsapevolezza è il primo passo
L’informazione che è probabilmente più rilevante all’interno del documento, tuttavia, si trova proprio alle prime pagine e ha un sapore quasi Socratico.  Il 95% degli intervistati si dichiara consapevole dell’esistenza del BIM (anche se questa cifra si divide equamente tra utilizzatori e non utilizzatori). Ma se il 45% si dichiara fiducioso nei propri mezzi e nelle proprie competenze in materia, un 26% di incerti e un 30% di timorosi lo supera di cinque punti. E, per parafrasare Platone, forse dobbiamo concludere tra noi che veramente di cotest’uomini son più sapienti loro, che come non sanno, neanche credono di sapere.

 

Download correlati:
NBS National BIM Report 2015
NBS National BIM Report 2014
RIBA Plan of Work Toolbox
Scenari di Innovazione per le Costruzioni: nuovi mercati per nuove imprese (atti del convegno)

Grazie Google

…e poi apri il browser e scherzando pensi: “Toh, anche Google mi fa gli auguri”.

Poi ci passi sopra con il mouse.
E scopri che è proprio così.