Tutti gli alieni di Kubrik

Pesco sul web questo articolo (sperando che FiammaViola non se ne abbia a male). "È ragionevole supporre che esistano innumerevoli miliardi di pianeti in cui siano comparse forme di vita biologiche e le probabilità che tali forme abbiano sviluppato l’intelligenza sono molto alte". Parole di Stanley Kubrick. 1966. L’uomo non ha ancora messo piede sulla […]

Pesco sul web questo articolo (sperando che FiammaViola non se ne abbia a male).

"È ragionevole supporre che esistano innumerevoli miliardi di pianeti in cui siano comparse forme di vita biologiche e le probabilità che tali forme
abbiano sviluppato l’intelligenza sono molto alte". Parole di Stanley Kubrick. 1966. L’uomo non ha ancora messo piede sulla Luna. Ventuno grandi scienziati e intellettuali sono chiamati a rispondere alla domanda più inquietante della nostra epoca. Ci sono altre forme di vita nell’universo? E che effetti avrebbe questa scoperta sul genere umano?

Le domande le fa proprio il regista Stanley Kubrick mentre sta lavorando a "2001: Odissea nello spazio". All’inizio pensa di inserire le interviste nel film, poi non è soddisfatto e abbandona l’idea. Quarant’anni dopo Anthony Frewin recupera questo materiale e il risultato è una geniale raccolta di pensieri di scrittori e scienziati del calibro di Isaac Asimov, Aleksandr Oparin, Fred Whipple, Margaret Mead sul tema dei viaggi spaziali e del nostro posto nell’universo prima del decennio dell’Apollo.

"Interviste extraterrestri" rappresenta una fondamentale collezione di ipotesi filosofiche, etiche e religiose sulla questione che da sempre affascina l’umanità: ci sono altre forme di vita nell’universo? Curatore dell’opera è Anthony Frewin, assistente di Stanley Kubrick per venticinque anni. Ha pubblicato numerosi libri, tra cui The Assassination of John F. Kennedy (1993) e i romanzi London Blues (1994), Sixty-Three Closure (1996), Scorpian Rising (1997). 

Isbn Edizioni
Stanley Kubrick
Interviste Extraterrestri
a cura di Anthony Frewin
introduzione di Enrico Ghezzi
prefazione di Arthur C. Clarke
traduzione di Elisabetta Nifosi
232 pagine, illustrato, 16.50 euro

8 Comments

  1. Asimov predicava il verbo già quaranta anni fa e lo faceva con parole semplici che chiunque avrebbe capito. Purtroppo ancora oggi c’è bisogno di ribadire concetti elementari perché l’arroganza dell’umanità non è disposta a far spazio alla ragione.

  2. Personalmente mi interessano di più i risvolti artistici della teoria: che ci sia o meno qualcun altro nello spazio, onestamente, poco mi tange. E al fantascienziato puro Asimov preferisco il filosofico e straniatore Philip Dick.

  3. ahahhaha :D no, non me ne prendo a male! a me gli alieni fanno paura perchè me li immagino cattivi e viscidi (che schifo), ma penso anche io che esistano.

    così potremmo progettare le loro navicelle :P

    io tra i due preferisco asimow invece ;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.